Censura Twitter per conto UE: le critiche a Maastricht trattate come foto porno. Guardare per credere:

La UE? Hanno ragione i Britannici a volerne uscire senza se e senza ma, guardate che cosa fanno fare a Twitter – perché a quelli di Twitter personalmente non gliene deve fregare niente; gli articoli che denunciano le falle del Trattato di Maastricht censurate come le foto porno, guardate qui:

CensuraTwitter2 questo è un tweet di Simone DiStefano, come minimo ti aspetteresti una foto porno o materiale che ne so? Fortemente neo-fascista – Di Stefano, si sa – invece quando ho cliccato su “Show media” perché in Inglese c’è scritto “Non ti possiamo mostrare tutto! Nascondiamo automaticamente le foto che potrebbero contenere materiale sensibile. Mostra media “. Clicco su mostra media, che ci sarà? Immagini truculente? Porno? Hitler che dice “Gli Ebrei li ho messi nel forno per mangiarmeli cotti invece di crudi?” No, c’era questo:

ImmagineCensurata

Prima e dopo fa più impressione

Quello che non potevano mostrare alle menti sensibili era non altro che uno screenshot di un articolo di Repubblica del ’92 in cui si diceva di stare attenti che Maastricht è incostituzionale, limita troppo la nostra sovranità. Faccio l’ingrandimento e Dio benedica chi ha inventato il comando “cattura schermata o parte di essa”

Screenshot at 2017-12-05 11:50:14

Dal profilo twitter di Alessandro Greco questo è quello che si trova al posto dell’articolo contro Maastricht:

ParteMostrata

Sicuramente io che sono perbenino e non ho voglia di vedere foto porno o immagini truculente su twitter avrò anche messo un filtro, ma che io abbia impostato la censura di articoli dove ci sono critiche a Maastricht…(???) questo sarebbe “l’algoritmo contro le fake news?”

Ovviamente anche  qui clicco sul pericoloso “visualizza” ecco la schermata scioccante:

CensuraTwitter

Per favore usciamo; è tutto vero quello che dicono i Brexiteers: la UE è Unione Sovietica, lo volete capire o no? Aiuto, usciamo, voglio Antonio Maria Rinaldi candidato per Forza Italia o Forza Nuova, qualunque partito che voglia Democrazia e Libertà di parola, aveva ragione Berlusconi a chiamare la coalizione di CentroDestra “Casa delle Libertà” o la DC a scrivere “Libertas” sullo scudo crociato. Dio ci aiuti.