De-istituzione della Lobby Ebraica. Re Vittorio Emanuele III, che firmò le Leggi Razziali contro gli Ebrei, viene riportato in Italia.

 

Qualcosa si muove, come potete vedere il potere delle nostre preghiere si sta materializzando, Dio l’Onnipotente e il Giusto ci ascolta,  come ascolta i Tedeschi, come i Palestinesi. Il Quirinale e il Governo hanno ordinato che il corpo del Re d’Italia Vittorio Emanuele III, colui il cui primo ministro fu Benito Mussolini, colui che firmò le leggi razziali per espellere gli ebrei dall’establishment italiano fosse riportato in Italia dall’Egitto dove venne sepolto, e ringraziamo molto i nostri amici Egiziani per averlo custodito, dopo che il corpo di sua moglie, la regina Elena, fu riportata dalla Francia ove riposava.

Ora stanno parlando di riportare il corpo del buon primo ministro Bettino Craxi che è stato perseguitato dai giudici italiani tutti affiliati comunisti-globalisti perché non voleva privatizzare le industrie statali italiane – era un socialista – e al momento è sepolto in Tunisia dove gli è stato dato asilo politico, come si sa.

L’establishment italiano è in modalità di de-giudificazione e probabilmente questo è dovuto all’atteggiamento assurdo degli ebrei italiani che nella persona della Presidente della comunità ebraica italiana Ruth Drugherello hanno chiesto al ministro degli Esteri Angelino Alfano cose che sono un po ‘in disaccordo tra loro:

a) Che l’Italia riconosca come Trump Gerusalemme capitale indivisa di Israele – Israele non come stato ebraico-arabo bilingue e bi-razziale, ma come stato etnico puramente ebraico, così i musulmani che vivono lì non avrebbero i diritti civili – i non ebrei non possono entrare al governo e nell’establishment, in magistratura etc. in questo senso Israele è uno stato puramente ebraico che vorrebbe rimanere tale –

b) Allo stesso tempo la Drugherello avrebbe chiesto di combattere i partiti di estrema destra e le formazioni che promuovono la xenofobia e sono contro l’immigrazione di massa e il multiculturalismo, però in Italia non in Medio Oriente.

c) Dopo aver promosso l’immigrazione di massa, volevano anche più protezione ma solo per il ghetto ebraico – lo hanno fatto anche nel Regno Unito, dove hanno promosso l’immigrazione di massa, attaccando sia l’UKIP che il Partito Britain First per islamofobia e xenofobia ma poi volevano un livello superiore di protezione solo per il loro quartiere perché si spaventavano degli integralisti islamici e il governo del Regno Unito lo sa – ovviamente tutto fatto “mezzo segreto” se i “bianchi” si spaventano dell’immigrazione di massa sono accusati da loro ebrei di razzismo.

d) Combattere la xenofobia e l’antisemitismo anche nella forma dell’ anti-sionismo, ma in Sion vogliono essere solo ebrei (???).

Ricordatevi questo, tutto ciò che hanno ottenuto in Israele è dovuto più alla lobby ebraica a Washington che al loro stesso esercito ebraico in loco, l’idea di espellere gli ebrei dall’Establishment è probabilmente vista in modo diverso rispetto a prima della loro spudorata e potente azione di lobbying negli Stati Uniti.

Ricordate anche un dettaglio sullo stato di Gerusalemme, a Gerusalemme vivono 300.000 palestinesi principalmente musulmani, ma lo stato di Israele è uno stato etnico ebraico, questo significa che tutti i palestinesi che vivono a Gerusalemme sono rimasti lì senza diritti civili, non possono essere eletti alla Knesset – il Parlamento Israeliano – come parlamentari, la loro lingua non è una lingua ufficiale, i loro capi non possono entrare nel governo israeliano.

Tanto che il figlio di Abu Mazen in un’intervista pubblica ha detto che lui personalmente non ha bisogno di due Stati se gli vengono dati pieni diritti civili – che sono negati ai non ebrei – per pieni diritti civili, il ricco uomo musulmano arabo intende poter partecipare alle elezioni generali come candidato e che i palestinesi possano eleggerlo ed ovviamente poter entrare al governo come ministro, ma voi lo vedete un ministro degli interni israeliano musulmano? La vedete Israele diventare bilingue e bietnica per Costituzione? Il Mossad è fondamentalmente una setta ebraica, non vorranno mai musulmani nel Mossad o come Ministro degli Esteri, ecco perché non gli si può, non gli si deve dare l’intera terra, è anche ampiamente noto che gli israeliani -ebrei perché sono ebrei – uccidono i palestinesi anche ragazzi, anche persone disabili sulla sedia a rotelle Link – che pericolo militare rappresentano i disabili? lo fanno per pulizia etnica, ed è evidente che le lobby ebraiche di tutto il mondo dall’interno degli altri paesi coprono i crimini degli Israeliani. Quindi, l’espulsione degli ebrei dall’establishment – visto che si fanno chiaramente i loro interessi strettamente di gruppo contro l’interesse degli altri – anche se alcuni innocenti possono essere stati catturati nella rete senza meritarlo – ed ebrei non nella lobby ebraica ce ne sono -, ma espellerli dall’Establishment comincia ad apparire come una scelta estrema, ma decente.

Insisto su un punto: se l’intera Gerusalemme e tutta la terra è data a “Israele”, allora “Israele” non può essere una stato-nazione ebraico monoetnico, deve seguire il modello svizzero ed essere, da Costituzione, bilingue e multietnica e musulmani e cristiani devono poter entrare nella Knesset e nel governo anche come Ministro dell’Interno. Dillo alla Drugherello, Presidente della comunità ebraica italiana che vuole combattere la xenofobia e il razzismo, ma in Italia non lì, che il capo del Mossad potrebbe essere un musulmano. E se il capo del Mossad o il Ministro degli Esteri israeliano non può essere musulmano, perché io dovrei avere parlamentari ebrei o ebrei come Giudici in Italia?

Advertisements