Golpe Napolitano: 3 Giudici di Corte Costituzionale nominati nel II mandato, quindi i “napolitanini” passano da 6 a 9 ed hanno la maggioranza.

++ Napolitano conferma prossima fine mandato ++
Napolitano illegalmente alla scrivania del Quirinale nel 2015, ultimo anno del suo secondo mini-mandato, abbastanza per dare ai globalisti la maggioranza in Corte Costituzionale.

E’ per questo che la sinistra in Corte Costituzionale fa quello che vuole e sembra non esserci verso di bloccarla, nel secondo mandato di Giorgio Napolitano, voluto anche da Berlusconi, il Presidente della Repubblica nomina altri 3 Giudici di Corte Costituzionale, Daria DePretis, Nicolò Zanin e Giuliano Amato, quindi gli uomini rossi, “napoletanini” nominati dai globalisti passano da 6 a 9 essendo il totale 14, gli hanno dato maggioranza. Sapendolo. Le altre correnti della magistratura e della società italiana non sono rappresentate, nemmeno la famosa fatidica corrente cattolica, infatti i Giudici sono tutti a favore della step-child adoption per i gay etc. ma non si doveva mai dare a un uomo il potere di nominare tutti sti Giudici. Più i senatori a vita e tutto il resto.

Secondo me le nomine nel secondo mandato non sono valide. Non c’era nessuna crisi che giustificasse il secondo mandato, una crisi economica non è una guerra certo che si può eleggere un altro Presidente della Repubblica, e non è nemmeno vero che non ci fosse “nessuno all’altezza” questa è una caz..ta, diciamo la verità, probabilmente non c’era nessun massone globalista tra i papabili e Berlusconi si è prestato al golpe. Che schifo. La Corte è da rifare.

Advertisements