Fraser Nelson sostiene Hard Brexit e Trump, ma non Salvini. Perché?

Sì, lo so, lo guardi e pensi “perché dovrei spendere due parole su questo strano tipo che assomiglia ad un vecchio ragazzo?”

Perché questo idiota dall’aspetto da ragazzo invecchiato sembra essere il direttore dello Spectator e un editorialista del Telegraph e ti fa pensare a come Nigel Farage e Donald Trump siano giusti;

Ora Donald Trump e Nigel Farage sostengono lo Stato-Nazione indipendente come buona forma di governo invece del globalismo, un’entità che è organizzabile come spazio democratico laddove il globalismo non lo è: va avanti a commissari; se supportano Brexit supportano anche Salvini, e Marine LePen in Francia, Fraser Nelson no, con quello sguardo sciocco sul volto sostiene Brexit duro e il no-deal (e sono d’accordo con questo) per la Gran Bretagna e anche Trump negli Stati Uniti ma in Francia sostiene Macron e in Italia disprezza Salvini che è il politico più simile che abbiamo a Farage, Trump e ai sovranisti. In realtà è la stessa cosa tradotta in italiano, infatti Bannon e Trump e Bolsonaro lo sostengono, perché non sono persone ambigue e premiano l’onestà intellettuale e politica.

Parlare di un uomo che non riesce a stare in piedi senza pendere da un lato, quasi fosse troppo pesante per lui il peso stesso del proprio corpo, è sempre col sorrisetto strano e appoggiato da qualche parte, dovrebbe essere, in un mondo ideale, una perdita di tempo, ma non lo è, perché questo ragazzo parla e scrive e per ragioni non molto chiare è addirittura considerato influente, ora mi spieghi la logica o il significato politico della mossa – troppo astuta per noi da capire, forse? – di sostenere hard Brexit e Trump ma di essere contro Salvini e LePen e fare i complimenti a … Macron che è l’opposto di Farage, Brexit e Trump.

se devo tollerare questo … da questo imbecille

Se sei un sovranista per il tuo paese essere pro globalista nei paesi di altre persone è una mancanza di gusto, di grazia o di comprensione. O tutte e tre.