Non fate della Sfiga la Vostra Bandiera: da AfroNapoli alle Francescane è meglio la Lega.

AfroNapoli già è tutto un programma: il nome “AfroNapoli” più di sinistra non si può, credo che abbiano chessò un paio di trans nel team, nella squadra che se dici “non sono veramente femmine, sono maschi” ti denunciano per transfobia, o tu fascista. E tu infatti voti Salvini.

Quando ho letto l’ultima degli AfroNapoli contro Salvini, l’Italia eppoi si allargano hanno scritto “Viva il Meridione” e niente di male, però l’hanno accostato a frasi a favore dell’immigrazione, contro l’Unità d’Italia – ora? – allora ho pensato “No, l’identità perdente e stracciona, se proprio la vuoi te la tieni per te” il resto del Meridione lo lasci stare. Il Meridione è il posto in cui, in Sicilia allora nel ’94 Forza Italia vinse facendo cappotto: in tutti i collegi e non era mafia, era la voglia di vincere, di essere associati a quel modo di fare moderno, anti Rosselliniano anti identità-sfigata-di-poveri-italiani di Berlusconi, la vita, la modernità, il piacere della vittoria: il contrario di AfroNapoli; c’è poi un problema storico: i Borbone erano arroganti e classisti se è per quello, ma per loro probabilmente è solo l’ennesima deprimente crociata anti-Salviniana.

Non mi preoccupo: l’identità perdente perde.

C’è qualcosa di brutto in questa sinistra, è un mostro a quattro teste:

Ebraico-Gesuitico-Massonico e Francescano

e di tutte e quattro queste culture prende rigorosamente la parte peggiore; pensate che dell’Ebraismo prenda la cabala? Macché, la cabala potenzia, aiuta a fare le scelte giuste, il cabalista non si fa fregare, no, loro dell’Ebraismo prendono l’ossessione con Auschwitz, così stai male ti viene la depressione; o del resto che ne so, dei Gesuiti prendono l’erudizione? No, piuttosto ne prendono l’ambiguità, l’omosessualità nascosta, la sete di potere mascherata da aiutare i poveri, della massoneria il sano anti-clericalesimo? No, piuttosto il fare la pace coi preti sbagliati e dei Francescani? la Perugia-Assisi, la bandiera della Pace trasformata in bandiera dei gay e l’ossessione con i poveri e non come diceva Gesù Cristo “I poveri in spirito” che materialmente possono anche essere anche ricchi e vincenti, no i poveri veri, quelli senza soldi, l’ossessione sbagliata che chi è senza soldi – o nero – sia buono.

Non arriveranno da nessuna parte perché come dicevo prima l’identità sfigata non vince, l’identità perdente perde ed è anche ovvio che sia così.

la Lega nazionale colma il vuoto lasciato da AN e da una Forza Italia piena di problemi, un Berlusconi stanco, gli strascichi segreti e oscuri del Rubyter, ora una ragazza morta, lei che non era una francescana, forse si era messa in testa di ricattare qualcuno in una Milano che stupidamente si è data il dito medio da se credendo che fosse una figata e invece…ma credete che nei conventi vi andrebbe meglio? Addirittura in un convento di francescane dell’Immacolata il prete faceva prostituire le suore ed è finito morto ammazzato (?) eppure questo è il link

le-suore-francescane-dell-immacolata-794117-1
Le francescane dell’Immacolata

Le Francescane dell’Immacolata: La sfiga fatta religione, come nel caso di AfroNapoli: la sfiga fatta politica,

ImaneRuby
Imane – Ruby

Le bonazze che andavano ad Arcore almeno si vestivano sexy, questo Paese mi spaventa, e Salvini e DiMaio sono la parte migliore.

SalviniDiMaioPirellone
Il gruppo Lega 5Stelle al Pirellone per fare il Governo

L’altra volta ho visto la foto di un gruppo di ragazze ad Assisi credo anche loro col pallino di San Francesco – che a me non piace – erano vestite non come Santa Chiara erano vestite proprio come San Francesco tra le asessuate e le lesbiche non avrei indovinato: erano brutte, sembravano le sfigatelle anche un pò autoritarie che avevano trovato un modo per nobilitare la loro sfiga ma la sfiga trapelava da tutto il loro essere, sembravano handicappate. Una se si fosse messa una minigonna di jeans ed un maglioncino azzurro si sarebbe salvata ma se glielo dici si permettono di dire che a te che le vorresti salvare ti muove il diavolo, il diavolo lo nominano come se fosse una cosa sempre in mezzo ai piedi, dietro l’angolo, come AfroNapoli nomina i fascisti, questa sinistra di tutti brutti, sfigati col mito dei poveri e l’incubo dei fasci e/o del diavolo che ne è l’equivalente.

Forse la vera profezia di Rol non era che in Italia nel 2020 ci sarebbero stati il 60% di neri ma che ci sarebbero stati il 60% di fasci, cioè noi secondo la dizione corrente, e allora ci andrebbe bene.

P.S.

E allora andrà bene anche al resto del Paese.