Giovanni Toti e Mara Carfagna nominati Consoli per Forza Italia. Lettera a DiBa.

TotiCarfagna
Giovanni Toti e Mara Carfagna

I due consoli: Giovanni Toti per il Nord e Mara Carfagna per il Sud; Missione? Ristrutturare Forza Italia, il Boss – egli Berlusca – si fida di loro, ma loro, si fidano di lui?

A me Toti piace e la Carfagna fondamentalmente pure, lei voleva fare il patto con DiMaio, si sono anche incontrati per caso nel parcheggio dove avevano le macchine e fu lei a chiedergli perché non volesse incontrare Berlusconi, lui pare fu freddo e come tutti i Grillini ostentò disprezzo per Berlusconi e Forza Italia.

Io l’aiutino a Forza Italia lo do, anche solo per rispetto personale di Toti che ci ha aiutato ed ha spinto Berlusconi a dare il nulla osta a Salvini per l’alleanza Lega-5Stelle senza per questo distruggere il CentroDestra, anche la Carfagna non voglio che faccia brutta figura, però voterei Fratelli d’Italia – AN, se si votasse ora. Io ho questa caratteristica: molti politici non mi piacciono, ma altrettanti me ne piacciono, anche politici che tra di loro non si fanno simpatia reciprocamente, come purtroppo la Meloni con DiMaio – che io avevo cercato di convincere ad entrare al governo, o DiMaio con la Carfagna, che non ci fu verso di convincerlo a parlare con Berlusconi.

Ora, due paroline per uno dei miei Grillini preferiti, DiBattista:

Noi non vogliamo andare al voto per tradimento del contratto o perché non abbiamo capito o non siamo grati ai 5 Stelle, DiMaio per primo, della fiducia nei nostri confronti, soprattutto di Salvini quando Salvini veniva insultato e sotto la sede della lega qualcuno metteva bombette per “antifascismo” io sono molto grata a DiMaio: noi vogliamo andare al voto per Elisabetta Trenta. Nel contratto di Governo c’è scritto come impegno la lotta al traffico di esseri umani, Elisabetta Trenta usa la Guardia Costiera per andare a prendere emeriti anonimi africani, che sono in tutto e per tutto immigrati clandestini,  e portarli dalle coste libiche a Lampedusa: Elisabetta Trenta sta infrangendo il contratto di governo. C’è qualcosa di molto umiliante per il Paese, per lo Stato, che il Ministro della Difesa usi le navi della Marina Militare per fare traffico di esseri umani per conto di Soros – o, dicono di Rockefeller, o non so chi altro fissato coi NoBorder – Eliminate Elisabetta Trenta e mettete un Ministro di destra alla Difesa e siamo in pace. Anche noi non volevamo approvare il reddito di cittadinanza e ce l’hanno fatto approvare perché era nel contratto, il contrasto all’immigrazione clandestina è nel contratto, Elisabetta Trenta lo sta infrangendo; per me l’attuale Ministro della Difesa va denunciata per traffico di esseri umani: le nostre navi vanno di fronte alla Libia, caricano uomini di fronte alla Libia e li portano in Italia, a Lampedusa sono sull’orlo di una crisi di nervi, tutti votano Lega, 34%, la Meloni sale al 7% e la Trenta fa quella che se ne frega, con un modo di fare anche umanamente antipatico, ma un Ministro si può cambiare? Si può fare un cavolo di rimpasto?

Si, per me la Trenta fa traffico di esseri umani, si comporta come una che lavora per una ONG.

DiBattistaTravaglio
Alessandro DiBattista con Marco Travaglio

Io DiBattista lo capisco quando dice “se noi avessimo il Movimento 5 Stelle al 37% non chiederemmo le elezioni per questo” e qui mi offende: io ho voluto questo governo, Salvini non è quel tipo, Salvini è “un uomo d’onore” a me piace anche il Minsitro Bonafede quello che si sta facendo per troncare le relazioni politica-magistratura può portare finalmente alla fine delle persecuzioni politico-giudiziarie e l’inizio di processi seri su crimini di Mafia o la cosiddetta delinquenza comune che in Italia spesso in realtà, anche se sembra “delinquenza poveraccia” è legata a qualche clan, per esempio molti crimini dei migranti sono legati alla mafia nigeriana, i Rom che mancano i bambini a chiedere l’elemosina lo fanno in modo scandalosamente organizzato etc. Molti Grillini sono persone pulite e vogliono un’Italia pulita, io però esigo lotta al traffico di esseri umani e niente accettazione di clandestini perché poverini sono rifugiati e se non lo sono lo sembrano, non sono niente rifugiati, Elisabetta Trenta fa traffico di esseri umani e i migranti salvati vicino alla Libia allora si dovevano portare in Tunisia a Zarzir o in Egitto se non si possono – per ora, magari per poco – riportare in Libia, noi non ci possiamo fare carico della classe media africana che vuole emigrare illegalmente, lo dice anche La Gabanelli di Report che si, sono gli Africani che smazzettano gli scafisti perché vogliono arrivare in Europa nel loro cervello a vivere bene, abbiamo problemi con la Germania perché queste persone si rifiutano di rispettare le leggi in ogni caso: arrivano illegalmente e continuano nel loro percorso di illegalità e dispetto delle leggi perenne “sono arrivati infrangendo la legge e pensano di restare infrangendo la legge”, se ne vanno illegalmente in Austria, in Francia, dopo non aver voluto restare in Libia, non vogliono neanche restare in Italia, dalla Francia provano poi ad andare in Inghilterra col barchino attraverso la Manica perché qualcuno gli ha detto che là il welfare è più ricco, sono indifendibili, io ho il rifiuto di trattare questi Africani come se fossero ragazzi d’oro. Lo possiamo rimuovere un ministro? Si può dire che il caso Giulio Regeni non significa che non dobbiamo avere relazioni con al Sisi? Si può dire che se gli Europei non dobbiamo colonizzare l’Africa allora dobbiamo riconoscere ed avere a che fare con i governi locali?

Silvio_Berlusconi_e_Giovanni_Toti_a_Portofino_01-F150920221228.jpg?f=detail_558&h=720&w=1280&$p$f$h$w=cfc1d60
Giovanni Toti e Silvio Berlusconi

Si può dire ad uno che ha scritto il libro “Politicamente scorretto” qualcosa di veramente politicamente scorretto? Toti è una brava persona e un aiutino a questa Forza Italia io glielo do, ma l’aiutone deve darglielo Mediaset, se poi il Padre non si parla con il figlio e nemmeno lo Spirito Santo passa di là, vabbè, anch’io ho litigato con mio padre, li posso capire. Ma per ora, Prima l’Italia.

Alla fine, Impossible is nothing – “Impossibile è niente”

Cordialmente.