Qualunque cosa accada, non cambiate il Trattato di Dublino.

Cari Lettori internazionali,

Vi informo che il caos italiano e maltese sulle “onnipotenti” barcacce delle ONG che portano i migranti è fatto apposta per creare un’emergenza “fatta su misura” cosicché i globalisti possano venire alla UE e affermare che “c’è bisogno di modificare il Trattato di Dublino” e creare un sistema automatico di ridistribuzione dei migranti – non rifugiati, diranno e scriveranno migranti – in tutti gli Stati membri dell’UE e Dio benedica la Gran Bretagna e la Svizzera che sono al di fuori di essa, con ovvie pene e sanzioni per gli Stati membri che non vogliono prenderli, quindi mi aspetto che Danimarca e Olanda optino di non partecipare. Ma non è sufficiente optare di star fuori da un singolo problema, come gli Svizzeri hanno recentemente lasciato intendere, loro potrebbero tagliare il guinzaglio dal mostro chiamato EU completamente ed avranno fatto bene, in Gran Bretagna mi consola il fatto che Farage non viva in un Universo parallelo e dica sia ai britannici che agli stranieri le stesse cose e che Boris Johnson Primo Ministro, per molte ragioni che non ripeto qui, dovrebbe esser cosa fatta, alias Hard Brexit è in vista.

Mi piacerebbero anche Italexit, Netherlexit e Exit of Denmark e dunque conseguente chiusura dell’UE.

Perché è un’emergenza falsa quella dei migranti? Perché in Italia miserabili navi cariche di immigranti clandestini prelevati da gommoni che non stavano nemmeno affondando e presi di fronte alla costa libica o tunisina – e la Tunisia è un porto sicuro, piaccia o no -arrivano e scaricano i clandestini contro la volontà di metà del governo italiano e i clandestini vengono messi a nostro carico; l’altra metà del governo è composta da traditori globalisti, i giudici stanno permettendo a entrambi i migranti e personale delle ONG di farla franca con le azioni illegali, c’è una situazione in cui un paese potenzialmente può crollare; gli Italiani sono così preoccupati che hanno dato nell’ultimo sondaggio al partito di Salvini il 40% dei voti – non sto scherzando – e un altro partito di destra di solito alleato con Salvini è balzato dal 4,5% all’8% – FdI -. La gente si chiede perché Salvini non voglia andare a nuove elezioni, forse per paura di un governo-a-tradimento tra il Movimento delle 5 Stelle e la Sinistra che insieme potrebbero avere, se i Partiti non si sgretolano, una leggera maggioranza, ma il Presidente del Partito PD Il Signor Zingaretti ha detto che rifiuta un’ eventuale alleanza con il Movimento 5 stelle di DiMaio, quindi si dovrebbe andare a nuove elezioni.

La cosa importante per me è far capire che alcuni politici vivono già in universi paralleli – come dicono gli scienziati –  e praticano la politica del multiverso, cioè: dicono una cosa ai propri elettori nel proprio paese e qualcos’altro quando vanno all’estero, alla UE o agli ambasciatori degli altri paesi, ad esempio Horst Seehofer

horst-seehofer-innenminister-csu-sicherheitsbehoerden
Horst Seehofer, qual è quello vero?

il Ministro dell’ Interno tedesco, per ottenere l’approvazione popolare in Germania, afferma di non prendere i migranti ma in Italia ha inviato lettere per chiedere agli italiani di aprire i porti, il che è immorale, mentre Farage mantiene la stessa linea politica sia all’interno del Regno Unito che all’esterno, non vuole immigrati clandestini nel Regno Unito e al di fuori del Regno Unito sostiene altri politici che non vogliono ugualmente prendere gli immigrati illegali nei loro paesi.

Un altro importante – ma si spera, non per lungo – politico che sembra giocare al gioco del multiverso è il primo ministro italiano Giuseppe Conte che in Italia è alleato con il nazionalista Salvini ma all’unione europea pare stare con i globalisti, ecco una bella e chiara intervista a Farage su Giuseppe Conte e il Movimento 5 stelle:

L’importante è far crollare questo governo italiano e sostituirlo con uno che blocchi l’immigrazione clandestina e faccia la riforma del sistema giudiziario, al momento i giudici stanno semplicemente lasciando che il personale delle ONG infranga la legge e semplicemente non fanno i processi per tutte le cose illegali che questi compiono, il personale delle ONG, che è stato notato, sembra povero, lacero e miserabile, ma in realtà contiene nel suo pancione figli di ministri nell’equipaggio e figli di abbastanza, se non propriamente ricchi, benestanti funzionari pubblici e dei servizi segreti; la stessa Carola Rackete “la zingara” è la figlia di un uomo che era dentro l’esercito tedesco e forse dentro i servizi segreti tedeschi, mentre sull’ONG Mediterranea c’è il figlio dell’attuale ministro italiano delle finanze Giovanni Tria che è un traditore alleato di Salvini: un falso amico.

stefanoTria
Stefano Tria, 38 anni, figlio dell’attuale ministro delle finanze Giovanni Tria

Non solo Rackete e Tria, ma un paio di anni fa uno dei leader di una rivolta di immigrati clandestini nel Sud Italia era Veronica Padoan, figlia di Piercarlo Padoan il quale era, prova a indovinare, il Ministro delle Finanze di Renzi.

FigliaDiPadoan
Veronica Padoan

Quindi Veronica Padoan, Carola Rackete, Stefano Tria, non importa se sembrano sfacciati e ribelli, in realtà sono protetti se non addirittura inviati dai loro genitori che lavorano negli uffici dei nostri Stati per fare il Nuovo Ordine Mondiale, sembrano audaci perché i loro papà gli hanno detto che non saranno arrestati e i giudici non li arrestano: sono agenti non sono ribelli. E perché tanti figli dei Ministri delle Finanze? forse perché questa “rivoluzione” è davvero organizzata dalla Fed e dai banchieri come si dice da tempo.

Per ora, vi dico: non accettate alcuna modifica al Trattato di Dublino perché questi banchieri & figli vogliono riempirvi di migranti e dare più potere a se stessi e alla loro casta di funzionari pubblici non eletti, banchieri, commissari ecc. Questa è la loro “rivoluzione”.

Il governo italiano può crollare da un momento all’altro, il Presidente della Repubblica ha detto che non può trasferirsi da Roma perché: “basta un nulla e viene giù tutto”. I sondaggi sono dalla nostra parte, se ci fanno votare, in ogni caso, non cambiate Dublino.