L’Affair Daverio: chi paga per il televoto è stupido. La giuria “di qualità” vince per matematica.

Il Buono, il Brutto e il Cattivo si potrebbe parafrasare ne Il Minaccioso, il Corrotto e lo Stupido. Laddove il minaccioso è il meridionale idiota che minaccia di morte Philippe Daverio e sua moglie per aver dato zero al Comune di Palazzolo Acreide alla gara del borgo più bello per far vincere per forza Bobbio, il Corrotto è evidentemente Daverio perché ha fatto vincere il borgo di cui era cittadino onorario ed è un mini-corruttore anche il sindaco che gli ha dato la cittadinanza onoraria – Bobbio era già arrivato terzo nelle edizioni precedenti e il sindaco e la giunta si sono premurati evidentemente di dare la cittadinanza onoraria e magari anche qualcos’altro ai giurati – pardon, solo al Presidente – se poi lo hanno fatto ingenuamente, il fatto andava comunicato in RAI, ma lo Stupido è e resta il cittadino spettatore che insiste a televotare, pagando, per essere non influente: a Sanremo, alla guerra dei borghi è tutto truccato, forse solo al Grande Fratello evitano la stupidata della giuria di qualità – a che serve? se sei là per farti odiare? – volgare per com’è, il Grande Fratello almeno è onesto: c’è solo il televoto; se c’è la giuria il televoto non serve a niente, non dico che andrebbe abolito, dico che la gente dovrebbe non usarlo e far perdere i soldi a quelli che organizzano ‘ste mini-porcate, perché è una mini-porcata e vi spiego subito perché:

Porcellini
La giuria di qualità (il salame è regalato dal sindaco)

Daverio ci somiglia, vero? Stesso cappellino e stesso fiocchetto e la stessa pelle rosa.

Se tre giurati, cioè tre persone della giuria di qualità dando uno, due e tre voti, valgono per il 50% del voto complessivo e tu che stai a casa con altri diecimila e più idioti valete tutti insieme il rimanente 50% è ovvio che decida tutto la giuria: è matematica, vi stanno fregando i soldi, cioè o votate come vogliono loro o tre persone possono ribaltare il voto al 50%, cioè far vincere qualcun altro rispetto a quello deciso dalla giuria è impossibile, se l’altro comune non prende nemmeno 1 voto, ciò che è assurdo, perché almeno il sindaco vota, si arriva al massimo al 50% con la giuria e quindi diciamo per matematica: diecimila, trentamila, un milione contro tre arrivano al massimo pari merito, diecimila, trentamila, un milione + un voto contro tre arrivano di nuovo pari merito, un milione a favore di un comune e un voto a favore dell’altro insieme ai tre vincono i tre. Spero di essermi spiegata.

Perché gli date i soldi? E farvi insultare pure da Davvero che chiama mafia? A voi non a se stesso. E’ matematica che non vinca il pubblico, è il referendum su Brexit: mi dispiace per te, hai votato sbagliato, che ci posso fare io se te ancora ci credi e vai là a votare?

Il coglione meridionale che minaccia, serve solo a far sembrare Daverio migliore di quello che è: a un certo punto Daverio lo dovrebbe ringraziare perché sposta il torto su chi ha ragione.

A proposito di televoto, una mia vicina di casa è di quelli che hanno fatto vincere il salumiere veneto contro le lesbiche al Grande Fratello di un paio d’anni fa, quando tutto lo studio Mediaset era contro il salumiere e a favore delle lesbiche – per insegnarci – e gli Italiani rifiutavano e votavano contro le lesbiche, però devo dire la verità, allora Mediaset li fece vincere, al pubblico, e tutti risero.

Anche con Sanremo, la giuria pesa troppo, che glieli date a fare i soldi del televoto?

Con i borghi d’Italia è tre contro il pubblico e valgono 50 e 50 e quindi vincono i tre, che sono d’accordo peraltro, a Sanremo mi pare fossero cinque ma era uguale, perché ripeto i giurati tra l’altro tra di loro sono compatti. Forse solo a Italia’s got Talent i giurati per davvero non sono d’accordo tra di loro e l’ inganno, se c’è, è più onesto.

E’ matematica: se c’è la giuria di qualità, al televoto non vincete, gli state regalando i soldi, allora per favore dateli a qualcun altro.