Category Archives: Economia

Wall Street Journal, Jean-Luc Mélenchon, Trump, Michel Hoeullebecq. Perché in così tanti ce l’hanno con la UE. E non è solo per Brexit.

L’esercito contro l’UE, le Nazioni Unite e i globalisti sta diventando abbastanza, diciamo, vario, persone e club che non hanno nulla in comune se non il disprezzo per l’UE e la sua Commissione: i soldi, gli intellettuali, i nazionalisti, i troskisti, gli investitori, persone oneste varie e brexiteers. Cominciamo dai soldi:

wsj

Il giornale di Wall Street; proprietario: Dow Jones & Company, News Corporation.

2.277 milioni di copie, fondato nel 1889 direttamente da Charles Dow e Edward Jones – quelli che hanno dato il nome al Dow Jones, ok? – bene, ecco che cosa pensano della Commissione Europea e delle sue strane mosse:

Fonte e un estratto dell’articolo:

Dietro la disputa Bruxelles-Roma

Come può l’UE rigettare un bilancio ben dentro i limiti del trattato di Maastricht?

23 ottobre 2018 7:03 ET

“La resa dei conti del bilancio tra Roma e Bruxelles ha trafitto per settimane i media e gli investitori europei. Il nuovo governo italiano, formato da partiti politici ribelli, ha proposto un deficit pari al 2,4% del prodotto interno lordo il prossimo anno. Martedì la Commissione europea ha dichiarato che è troppo alto e ha dato all’Italia tre settimane per presentare un nuovo bilancio. Tuttavia, un disavanzo del 2,4% è ancora ben al di sotto del massimale del 3% fissato dal trattato di Maastricht. Perché Bruxelles impone un limite molto più stretto a Roma?…”

Lo stesso WSJ aveva dichiarato nel 2017 che il nazionalismo è il futuro, i democratici vivono in un mondo che non esiste più e sono andati avanti con molti altri articoli che promuovono il nazionalismo buono:

wsjpronationalism

Fonte Estratto:

“Se Donald Trump fosse un democratico liberale, alcune delle descrizioni dei media del “caos” e del “disordine” nella Casa Bianca probabilmente verrebbero sostituite da storie su “tensione creativa” tra una “squadra di rivali … “

mc3a9lenchon
Jean-Luc Mélenchon

Oltre al WSJ e i nazionalisti ci si mettono anche i trotzkisti francesi, sì, i trotskisti, Jean Luc Mélenchon, leader della formazione di estrema sinistra La France Unsoumise, era d’accordo sia con Salvini – presunta estrema Destra – sia con il Wall Street Journal – l’alta finanza americana – e ha difeso a spada tratta il diritto del governo italiano di fare il miglior bilancio possibile nell’interesse del popolo italiano, bilancio che secondo il Wall Street Journal è infatti ben dentro i limiti di Maastricht, nelle sue stesse parole al parlamento europeo ha detto: “In questa materia, i francesi hanno interesse a difendere la sovranità popolare”, e “Dobbiamo uscire dai trattati, è la mia conclusione “.

michel-houellebecq-1_549852
Michel Hoeullebecq

Gli intellettuali francesi, capeggiati da Michel Hoeuellebecq, autore del celebre ed anche un pò famigerato “Le Particelle Elementari” perché parlava del progetto Gender già nel 1998, quando pochissime persone ne erano a conoscenza. Ha detto: “Sono pronto a votare a chiunque, a condizione che proponga l’uscita dall’Unione europea e dalla NATO”. Mi interessa molto” – E ‘stato preceduto da Emmanuel Todd, il famoso storico e sociologo: “Quando uno stato e un governo perdono il potere della creazione monetaria, beh, non possono più fare altro – e tutta la vita politica diventa un commedia – Se [Macron] non ha capito che non è veramente presidente, stiamo davvero male “.

Il filosofo Marcel Gauchet, il neo-ateo (sic) Michel Onfray, il filosofo-economista Jacques Sapir, il saggista e saggista, si sono già pronunciati contro l’euro e la dittatura eurocratica Régis Debray (l’ex guerrigliero con il Che in Bolivia) giornalista Coralie Delaume … conoscendo l’influenza che gli intellettuali hanno in Francia, non è poco.

“Per la prima volta, un bilancio di un governo democraticamente eletto viene respinto dalla Commissione di Bruxelles – quello italiano ndr. -: un colpo di stato contro il popolo italiano! Alle elezioni europee del 2019 poniamo fine alla messa sotto tutela delle nazioni”: il deputato Nicolas Dupont-Aignan non è una sorpresa, essendo il leader di Dèbout La France, un movimento gollista apertamente sovranista.

Anche il famoso economista Patrick Artus, di Natixisi, europeista mainstream, comincia a pubblicare che – per esempio – l’UE ci ha fatto rallentare nell’innovazione tecnologica: vedere la differenza dei robot industriali adottati in Giappone, in Corea, rispetto all’eurozona: “Bisogna riconoscere che l’UE non ci prepara per il futuro”, ammette.

Il settimanale Marianne (progressivo, 150 mila copie, fondato da due Ebrei noti), pubblica un articolo dal titolo: “Rifiuto del bilancio italiano: perché la Commissione europea non ha capito niente”, in cui si ricorda che l’Italia ha obbedito per un decennio alle regole restrittive europee: e “il bilancio degli ultimi dieci anni è chiaro: queste regole della disciplina di bilancio non sono solo perfettamente inutili e arbitrarie, sono anche perfettamente dannose. La prova: la crescita dell’eurozona nel decennio è stata molto debole (….) Un decennio perduto. Chiusa nella sua visione burocratico-punitiva del mondo, la Commissione ha dimenticato la legittimità, ma soprattutto l’ utilità delle sue regole sacre “-

Ashoka Moody dà una mano … ai nazionalisti e mostra il grafico del decennio perduto

EuroBad

L’euro è la palla al piede delle economie.
Il grafico mostra che “i paesi emergenti che hanno una propria valuta (linea blu) dopo 30 quarti (7 anni) hanno un reddito superiore del 30% rispetto al momento dell’epidemia a quelli del sud della zona euro. La periferia della zona euro (con noi dentro) è invece ferma al palo. Reddito praticamente identico” Fonte

TrumpBellaFoto
Donald John Trump Presidente degli Stati Uniti d’America

Donald John Trump, Presidente degli Stati Uniti

Trump in realtà sta aiutando apertamente sia il governo italiano di Giuseppe Conte, perché in caso di bullismo da parte della Commissione Europea o della BCE contro l’Italia, gli Stati Uniti compreranno il debito italiano e i duri Brexiteers in Gran Bretagna perché ha offerto un accordo commerciale UK-USA subito dopo Brexit effettivo, in questo caso, il Regno Unito non deve avere legami con il mercato unico dell’Unione europea perché altrimenti non avrà la possibilità legale di stipulare accordi commerciali indipendentemente dall’UE, ecco perché Farage afferma che non esiste “Hard Brexit” in realtà quello che altri chiama Hard Brexit – “Brexit duro” uscita secca ndr. – è semplicemente Brexit, una situazione che restituisce l’autonomia economica e politica al Regno Unito, a partire dalla possibilità legale di concludere accordi commerciali indipendentemente dall’UE. E Trump è lì per aiutare.

Ora vorrei che notaste quanto sia eterogeneo questo gruppo, che non sapeva nemmeno di essere un gruppo:

Wall Street Journal, Trump, Salvini, Mélenchon e i trotskysti, Michel Hoeullebeq e gli intellettuali francesi – che hanno votato Macron “per fermare LePen” e ora non gli piace la situazione in cui si trovano – la migliore immagine di tutto questo è la seguente, dalla Francia:

EmmanuelTodd

E adesso? “Qu’est-ce qu’on fait?” “Che cosa facciamo?”. Usciamo, ovviamente, non vedo altre soluzioni.

L’UE è una strana operazione il cui obiettivo sembra essere quello di distruggere il benessere europeo, Daniel Hannan, un giornalista del Telegraph che ha fatto campagna per Brexit, l’ ha descritta come un “racket”. In effetti, l’unico sistema in cui coloro che pagano prendono ordini da quello che prende i soldi e non al contrario è il racket. L’Italia è un contribuente netto per l’UE ed è trattata come uno straccio, lo stesso vale per la Gran Bretagna che è stata il secondo contributore netto al bilancio UE dopo la Germania, e David Cameron, il Primo Ministro britannico, è stato letteralmente deriso quando ha proposto alcuni cambiamenti perché nel Regno Unito certe regole UE proprio non funzionavano, quindi ha vinto Brexit. In un sistema normale sono quelli che pagano a dare le regole, mentre nell’UE Paesi come la Francia, l’Italia o, prima di Brexit, il Regno Unito pagano ma ricevono regole sempre per aiutare qualcun altro, i rifugiati o i paesi dell’Est che non pagano e a proprio svantaggio. Tutto questo è una vergogna e deve finire. Chiuso.

Advertisements

Fico ci insulta e l’Italia è fondata sul Lavoro non sul Reddito di Cittadinanza: per favore Torniamo a votare.

Roberto Fico a me non mi tratta come un’appestata, sta insultando gli alleati per far quello “di sinistra” che prende le distanze dalla Lega dichiarando: “non c’è alleanza con la Lega – e non è vero ndr – lavoriamo sul filo del contratto…” Link .

Ho deciso: non voglio dare il reddito di cittadinanza a nessuno, le misure contro la povertà ci sono già ed è il reddito di inclusione credo di 450 euro; 780 al mese per non fare un cazzo sono troppi; ora sapete che cosa vi dico, che il reddito di cittadinanza così alto è incostituzionale:

Articolo 1 della Costituzione Italiana

L’Italia è una Repubblica Democratica fondata sul Lavoro.

Va bene? non è fondata su dare soldi a cazzo per due anni a gente che va allo sportello del job center direttamente per il reddito di cittadinanza invece che per trovare il lavoro. Poi io gli insulti di Fico non  me li tengo, secondo i sondaggi il Centrodestra vince

SondaggiTM

e possiamo fare una finanziaria pulita pulita, di destra senza immigrazione clandestina e senza reddito di cittadinanza, quello di Gentiloni alla fine, l’assegno contro la povertà di 450 euro, era sufficiente, 780 euro al mese per non fare un cazzo sono troppi, va bene?

Basta, mi dispiace, ma non la digerisco più: voglio fare di nuovo campagna elettorale dicendo chiaramente due cose:

Niente reddito di cittadinanza in Finanziaria – tenendo l’assegno contro la povertà di 450 euro al mese per i poveri veri-;

E circa l’euro essere ben chiari: o l’uscita secca o se si resta nell’euro si devono rispettare i Trattati scritti incluso Maastricht, se no si esce e basta, io non ho paura dell’uscita e il Piano B di Savona è ottimo, questa, scusate l’espressione, “pezzenteria” di voler stare nell’euro senza rispettare i Trattati io non l’accetto antropologicamente, io non sono così. L’Italia migliore non è così. I migliori non sono mai così.

Gesù Cristo infatti ha detto: sia il vostro parlare sì, sì, no, no, tutto il resto viene dal maligno.

Li abbiamo firmati ‘sti cazzi di trattati? Che fanno schifo e chi li ha firmati si deve vergognare quasi più di chi li ha scritti, allora o si rispettano o si esce. Non vedo l’ora di liberarmi di Fico, non lo sopporto più.

P.S.

Le accuse contro Salvini sono archiviate e Savona si può candidare con la Lega.

Economia e Media: perché vanno fatte le Epurazioni in RAI e nei Palazzi di Potere.

Prima di linkarvi l’articolo di Blondet che riassumerò con qualche considerazione personale, vi voglio mettere in rilievo la foto di copertina:

TGRAIORE

Sì, stiamo parlando di Settembre 2018 non 2017, col Movimento 5 Stelle e la Lega al governo e il PD e Forza Italia all’opposizione.

Meno di dieci ore al governo, e più di 36 ore all’opposizione. E questo lo chiamano “Fascismo” ???

Link articolo di Blondet su vera situazione economica e giornalistica

I piddini vanno epurati dalla RAI: Carthago delenda est, Carthago delenda est, Carthago delenda est; dovete disprezzare il nemico, i piddini li dovete cacciare da tutto: la Botteri, la Maggioni tutti.

Ed anche dai palazzi di governo e del potere, tutti i massoni piddini vanno epurati, perché remano non solo contro Salvini e  Dimaio ma contro di noi, contro gli Italiani e contro l’Italia.

Ecco come ci difende il potente capo economista della banca della Germania la Deutsche Bank, David Folkerts-Landau:

IntervistaDeutscheBankBloomberg

Ha detto: “L’Italia è il paese più virtuoso d’Europa”, il Tedesco ci difende e mette in risalto i nostri meriti e Draghi l’Italiano traditore ci vuole distruggere e farci fare la fine della Grecia, capito?

Joseph Stiglitz, premio Nobel statunitense per l’economia ecco che cosa dice dell’economia Italiana:

DichiarazioniStiglietz

E che cosa dice invece la RAI in mano ai piddini?

fa catastrofismi e parla di noi come fossimo vicini al terzo mondo, perché i giornalisti piddini sono tutti traditori della Patria, ecco il rendimento vero dei nostri Bot:

RendimentoBot

Chi li ha comprati durante la crisi del 2008 ci ha guadagnato un assurdo + 71% e per questo JP Morgan ha detto che loro li stanno comprando anche adesso e che i Bond italiani lungi dall’essere spazzatura sono “un occasione d’investimento”, l’americano Nick Garside disse…sapete perché dico le nazionalità? Perché io vorrei sapere una cosa e dico una parolaccia:

Ma che cazzo hanno i piddini contro il Paese? Che cazzo c’ha Draghi contro di noi?

Secondo Blondet – che ancora guarda i telegiornali, io no, per quanto li odio e tanto so che mentono – la RAI non ha riportato né l’intervista del capo economista della Deutsche Bank a nostro favore, né che i Bot sono un investimento d’oro. E Blondet nota, i giornalisti piddini in RAI sono così arroganti da rifiutarsi di intervistare il nostro stesso Ministro delle Finanze Tria. Io li odio. Me le potete fare le epurazioni? E che cavolo.

Anche in magistratura: non nominate in nessun posto nessuno del PD e cacciate quelli che ci sono da dove sono. Basta. Va bene? Ho detto basta io. Loro a me così non mi trattano. E meno male che c’è gente in questo Paese che l’Inglese e il Tedesco li conosce, perché i telegiornali RAI al momento danno notizie così false che te le devi andare a ricontrollare tutte.

Ragazzi, siate un pò duri, che vi hanno dato degli estremisti di destra per niente. Per la serie: loro un estremista di destra vero, ancora non l’hanno visto mai.

Def: voglio fare l’avvocato di Moscovici per una volta.

DefMoscoviciTria2
Preparazioni per la conferenza congiunta di Pierre Moscovici e Giovanni Tria

In breve, Pierre Moscovici, l’uomo di Bruxelles sceso di persona per un colloquio privato sia col Capo dello Stato Mattarella che col Ministro del Tesoro Giovanni Tria consegnando a quest’ultimo, brevi manu, la lettera in cui ci rimprovera che stiamo deviando gravemente dal patto di stabilità, per una volta voglio dare ragione a lui e alla UE e non capita spesso.

Che cosa voglio dire? Questo: che il Def non piace neanche a me, e l’ho specificato, si aggiungano altre pessime notizie dal Giornale di Berlusconi, altri 45 miliardi di debito più o meno nella voce “varie ed eventuali” cioè che non si capisce ‘sti altri 45 miliardi a chi vadano, ecco, questo dopo il fantasmino pre-halloween dell’articolo 23 che sbolognava milioni alla Croce Rossa in mano ai tecnici del PD di cui il governo Conte non sapeva nulla, ed anche il condono tombale per riportare in Italia capitali mafiosi di cui almeno DiMaio non sapeva nulla e poi la notoria spesa pazza per il reddito di cittadinanza a cittadini e non, con gli Italiani e gli immigrati residenti da 5 anni già in coda ai cosiddetti job center non per cercare lavoro ma per farsi dare il modulo per chiedere il reddito di cittadinanza ecco, non serve essere Juncker, Öttinger o Moscovici appunto per bocciarlo.

Lo possiamo rifare d’accapo ‘sto Def?

Io dico questo, perché sono una persona onesta o almeno che una tenta di essere onesta: io voglio l’uscita dall’euro e dalla UE perché non voglio rispettare le regole dell’euro e della UE, io per la UE sono una bigotta neonazista cui piace battere moneta e fare quello che vuole, la mia lista di diritti umani ne contiene quattro, la loro almeno trecento, cioè per me è diritto umano non essere torturati, l’ora d’aria e il cibo sano in carcere, non è diritto umano l’utero in affitto i matrimoni gay o richiedere la censura della stampa di destra, poi non mi piacciono le regole del Mercato Unico perché io ho calcolato che saremmo più ricchi senza Mercato Unico, bloccheremmo i prodotti del NordAfrica, non tutti, solo quelli in competizione con i nostri, e riapriremmo al Mercato Russo, sì sono tra il convinto e il sicuro che saremmo più ricchi senza il Mercato Unico e poi voglio la sovranità monetaria ergo-dunque-quindi Voglio uscire, non chiederei mai di restare e non rispettare le regole perché per me non ha senso. A me da bambina dicevano che sembravo la Gestapo solo perché in Calabria volevo che si rispettassero le Leggi, quelle scritte, non le dannate e pezzenti “leggi non scritte” non mi parlate di leggi-non-scritte ho disprezzo di questa cosa, sono gli imbroglioni e i falsi i mezzi camorristi borghesi ed i massoni che parlano di “leggi non scritte”. Infatti per questo io voglio uscire dalla UE. Se no ha ragione Moscovici.

Il mio pensiero/pensierino furbo che nasconde una speranza, perché in fondo questo governo mi è simpatico ed anche DiMaio può esser meglio del Berlusca, è che Salvini e DiMaio stiano facendo il gioco delle parti, faranno questo nuovo Consiglio dei Ministri sul Def taroccato e poi DiMaio otterrà l’eliminazione del condono tombale e del rincaro dell’RC auto al Nord e Salvini l’abolizione del reddito di cittadinanza o almeno il congelamento per due anni oppure la restrizione ai soli cittadini Italiani residenti in Italia, poi vanno ripulite tutte le spese oscure aggiunte dalle “manine” che si pigliano milioni dalle tasse del contribuente senza contribuire, burosauri di Stato con moglie raccomandata alla Caritas alla Croce Rossa o in qualche ente sperperone  ad aiutare i migranti e se stessi ancora coi soldi nostri.

Il Def deve essere pulito e chiaro come il vetro.

Io non devo niente alle lobby ed alle sette che si annidano ancora nello Stato, sicuramente non gli devo soldi, a me non è mai piaciuta la moda post anni novanta di fare tagli ai dipendenti statali e poi finanziare con soldi pubblici COOP, ONG il “volontariato” perché se i soldi li mette lo Stato i posti di lavoro vanno assegnati per titolo e punteggio, invece ‘ste COOP ‘ste ONG ‘ste associazioni di volontariato in cui tutti fanno San Francesco però non sono poveri e assumono chi gli pare a loro con l’aggravante morale che essendo i posti di lavoro assegnati per raccomandazione gli stipendi li paga lo Stato lo stesso, allora era meglio quando le assunzioni le faceva lo Stato direttamente per titolo e punteggio e basta. Ho sempre odiato quelli della scuola privata vantarsi di fornire un servizio allo Stato e colmare una mancanza, non è vero, le scuole private assumono chi vogliono loro e gli stipendi li dovrebbero pagare coi soldi loro privati, lo Stato non dovrebbe metterci una lira, oppure dovrebbero essere obbligati ad assumere chi è in graduatoria statale, invece assumono per raccomandazione chi pare a loro, fanno lo stesso punteggio degli statali e appena si libera un posto buono nella scuola statale saltano la coda e se lo prendono – dopo non essersi fatta la gavetta delle sedi disagiate di montagna etc. -: non mi pare onesto, almeno a noi della Gestapo sapete non ci pare tanto normale.

DiMaio ha la Renzite: vuol dare 500 euro ai giovani per due anni. Ma perché? Io supporto il Ritorno al voto, per questo ed altro.

Di_Maio_Salvini
Salvini a destra e DiMaio a sinistra

Lo dico con rammarico, ora se Tria si dimettesse lo capirei, io stessa che avevo detto e scritto che il reddito di cittadinanza ben modulato ci poteva stare, se veramente invece lo estendono anche agli immigrati residenti in Italia da 5 anni – cioè, non lo farebbe nemmeno Lucano – in più con il delirio comunistoide se a qualcuno cui non tocca, soprattutto se straniero o Rom, non viene dato o viene revocato per davvero, invariabilmente e indipendentemente dai fatti diranno che è razzismo, ora aggiungi l’ultima appena letta sul Giornale che qui linko DiMaio ha inventato il reddito universale: 500 euro al mese a tutti i giovani tra i 18 e i 26 anni indipendentemente dal reddito familiare. Cioè anche ai figli dei benestanti e ricchi. Ma perché? Allora, io prendo le distanze, per me così è meglio se fanno le nomine RAI in questi due giorni, dicono che domani si sbrigano e poi ce ne torniamo a votare, per me DiMaio ha la renzite, la malattia di Renzi di regalare soldi “ai giovani” i famosi 500 euro ai diciottenni per le spese in cultura, poi gli 80 euro a chi già aveva lo stipendio etc. – quelli sono toccati pure a mia sorella – poi altri 500 o 600 euro agli insegnanti già assunti sempre per spenderli in cultura, libri teatro etc. DiMaio si dovrebbe ricordare che Renzi non vinse con questa strategia di regalare soldi a selezionate categorie di cittadini: gli Italiani non gli avevano chiesto questo, ma DiMaio il vizio di Renzi ce l’ha al quadrato, cioè ne sta dando via molti di più di quelli dati via da Renzi.

Il reddito di cittadinanza allargato agli immigrati con moglie e figli a carico residenti solo da 5 anni non sarà sostenibile, fa fallire il Paese, e poi almeno fosse una mossa politica, c’è anche l’aggravante che ci dicono esser stata la Corte Costituzionale a dichiarare il falso: cioè che sarebbe incostituzionale dare il reddito di cittadinanza solo ai cittadini italiani – e questo non è vero e basta – ma sono andati anche oltre, avrebbero avuto l’ardire di dichiarare “incostituzionale” il paletto dei dieci anni di residenza, cioè che la Costituzione dice che il reddito di cittadinanza va dato anche agli stranieri residenti da soli 5 anni: e questo non solo è falso, è impossibile, cioè è impossibile che la Costituzione scenda nel dettaglio delle leggi, tanto da dire che sono troppi dieci anni di residenza richiesti e che quindi vanno diminuiti a cinque. Accettare questo sarebbe la fine della Democrazia Parlamentare, è il solito golpe giudiziario quantomeno tentato, il tentativo dei Giudici di decidere e scrivere le leggi al posto dei politici e del parlamento.

La Costituzione garantisce che lo straniero non debba essere torturato etc. ma non che gli si debba dare il reddito di cittadinanza – io se vado in Germania ho il diritto che la Polizia tedesca non mi torturi, non ho il diritto che lo Stato Tedesco mi versi il reddito di cittadinanza, nemmeno se lo versa ai cittadini tedeschi – tantomeno la Costituzione può fissare i paletti dei dieci o cinque anni di residenza, è assurdo accettarlo, però c’è un però, il dubbio che Salvini e DiMaio buttino sulla cassazione e sulla corte costituzionale le colpe loro, cioè che siano loro a volerlo dare agli immigrati e dicano che hanno paura che la Cassazione o la Consulta gli butti giù la Legge Link ma in quel caso sarebbe meglio il reddito di cittadinanza non farlo proprio, tanto non muore nessuno, e cominciare a pagare invece i crediti alle imprese che hanno lavorato fornendo servizi allo Stato – finora gratis -.

In questo caso comunque si deve agire alla Trump, si aspetta e man mano che si nominano i nuovi Giudici li si nominano di destra, sovranisti etc.

Mi pare chiaro che per molti costituzionalisti la costituzione abbia un solo articolo, il seguente:

Il Giudice può dire quello che vuole e dire agli italiani che lo ha letto qui.

La costituzione non vieta di dare diritti specifici solo ai cittadini italiani o solo agli italiani residenti in Italia, fino a un pò di tempo fa il diritto di voto e di essere candidati alle elezioni era riservato ai cittadini italiani residenti in italia, quindi la Bellucci residente a Montecarlo non votava né Roberto Fiore residente a Bruxelles poteva candidarsi, la recente denuncia che la cassazione obbliga ad erogare le pensioni anche ai cittadini stranieri residenti in Italia da soli 5 anni è un’avaria dello Stato: una decisione arbitraria di un giudice di sinistra che vuol fare la legge di sinistra e dice di averla letta sulla costituzione. In questi casi l’unica soluzione indolore è aspettare che scadano i mandati dei giudici e sostituire giudice dopo giudice i sinistri con i destri, ma…

ieri mi è venuto in mente che Salvini è pollo e DiMaio meno furbo di quanto creda, ma davvero prendono in considerazione l’ipotesi di dare la direzione del TG1 alla renziana Federica Sciarelli? Al Consiglio Superiore della Magistratura sono stati capaci di piazzare un altro renziano, quel David Ermini con la tessera del PD e questo avendo la maggioranza.

Allora ho pensato che in fondo Salvini ai migranti gli dovrebbe fare la statua con tutta la barca: senza migranti non sarebbe nessuno, è uno che tutti abbiamo supportato perché c’erano i migranti, altrimenti non ce l’avrebbe fatta nemmeno a diventare sindaco. Io sono stata a contatto con la Sinistra Giovanile, la giovanile del PD, ai tempi dell’Università, sono persone che hanno disprezzo per chi non è del partito, hanno un rapporto col partito strano, settario, cioè la Sciarelli ti disprezza e ti farà cadere appena può; hanno disprezzo umano per chi non è del PCI-PDS-DS etc. non  scherzare con quei serpenti, è difficile da spiegare, ma chi li conosce sa che è così, sembrano un’altra Italia non sono come quelli di Forza Italia o della Lega o dei 5 Stelle, di quelli del PD non dovete mettere nessuno da nessuna parte, io ho perfino il sospetto che abbiano qualche rito massonico-iniziatico per cui a un certo punto non possano più disobbedire e quelli della sinistra giovanile ancora erano innocenti.

Fidati di me, piazzati i tuoi o quelli di DiMaio ovunque oppure neutrali, se li trovi. Uomo avvisato…mezzo salvato.

Il Reddito di Cittadinanza è l’unica cosa che mi fa sperare che questo Governo cada.

conte-di-maio-e-salvini
il Premier Conte – al centro – con i vice premier DiMaio a sinistra e Salvini a destra.

Stanno facendo le nomine RAI, spero non Federica Sciarelli, la Renziana al TG1 se no smetto, non devo essere io a difendere Salvini mentre la direttrice del TG1 scelta da lui per dimostrare che non fa le epurazioni lo insulta. A questo punto scriverei “CHI È CAUSA DEL SUO MAL PIANGA SE STESSO” e me andrei a pattinare, ma quello che mi turba, che mi fa quasi sperare in un ritorno di fiamma col Berlusca è Il Reddito di Cittadinanza esteso prima gli stranieri residenti da 10 anni, ora grazie al ritocchino della Corte Costituzionale e quelli residenti da 5 anni, poi basterà litigare col Sindaco di Lodi e glielo daranno a tutti se no è razzismo, aggiungi la Sciarelli al TG1 (incubo) diranno che finalmente hanno sconfitto i fascisti. Ora devo linkare due articoli sulla pericolosità intrinseca alla nuova proposta e perché potrebbero rimandarlo indefinitamente se vogliono durare fino al 2023:

Link da Qui Finanza

Un estratto dell’articolo sulla Legge di Bilancio

LE MISURE DELLA LEGGE DI BILANCIO
Reddito di cittadinanza – Si introdurrà una misura universalistica di sostegno al reddito, con la previsione che nessun cittadino abbia un reddito mensile inferiore ai 780 euro, che crescono in base al numero dei componenti della famiglia;

Pensione di cittadinanza – Le pensioni minime saranno aumentate fino a 780 euro, con una differenziazione tra chi è proprietario di un immobile e chi non lo è;

Flat tax – Si estendono le soglie minime del regime forfettario fino a 65 mila euro, prevedendo un’aliquota piatta al 15 per cento;

Quota 100 – Si abrogano i limiti di età per i pensionamenti previsti dalla legge Fornero, introducendo la ‘quota 100’: si potrà andare in pensione con 62 anni di età e 38 anni di contributi versati, favorendo così chi ha iniziato a lavorare in età molto giovane e al contempo agevolando il necessario ricambio generazionale nella Pubblica Amministrazione e nel privato. Per le donne si proroga ‘Opzione Donna’, che permette alle lavoratrici con 58 anni, se dipendenti, o 59 anni, se autonome, e 35 anni di contributi, di andare in pensione;

Secondo Link da Qui Finanza

Reddito di Cittadinanza, i Centri per l’impiego rischiano di affossarlo

Estratto:

“…secondo pmi.it, gli ostacoli che occorrerà superare e per i quali servirebbero più tempo e vere risorse invece che una serie di annunci da campagna elettorale sono:

  • Poco personale, mal distribuito e da riqualificare.
  • Giungla informatica, database che non si parlano.
  • Gestione prevalente dei sussidi e scarsa abitudine all’approccio alle politiche attive.
  • Incapacità di gestione del flusso di utenti, con una platea di 1,7 milioni di senza lavoro che salirà a 6,5 milioni di cittadini.

Si aggiunga infine la necessità di trasformare gli uffici in veri hub del territorio, riferimento anche per le aziende e gli artigiani che vi si possano rivolgere e per i quali, oggi, praticamente non esistono.”

In più il rischio che nel Sud del Paese si introduca la regola che si possono rifiutare più di tre offerte di lavoro e che comunque la platea degli stranieri residenti in Italia da 5 anni aumenterà esponenzialmente col passare degli anni, in 5 anni per matematica glielo devi dare a tutti. La gente può chiedere di farsi licenziare appena gli tocca per prenderselo per due anni senza fare niente come hanno fatto delle signore che stavano per divorziare – se disoccupate il futuro ex-marito avrebbe dovuto sganciare di più – e dei disoccupati che hanno chiesto di lavorare in nero per tenersi l’assegno di disoccupazione.

Per farlo funzionare, lo dovrebbe dare direttamente un mega ufficio che faccia sia da INPS che da centro per l’impiego e i controlli sul reddito reale dovrebbero essere durissimi, anche per gli stranieri, e qui si rischia il caso Lodi, una bagarre con accuse di razzismo e poi di assistenzialismo incrociate. I soldi sono anche tanti, 750 euro al mese che aumentano per chi ha figli e poi dopo due anni glieli togli di colpo? E se la Cassazione si inventa che per i diritti umani non glieli puoi più togliere perché non hanno altri mezzi di sussistenza?

Schema

Già lo schema iniziale riportato qui sopra è stato “ammorbidito”, non è più necessario essere cittadini italiani, e al Sud si profila l’ipotesi di estendere la possibilità di rifiuto da 3 a 4 offerte di lavoro, in più la Corte di Cassazione si impiccia e faranno tutti ricorso per tenerselo (sarebbe meglio non metterlo proprio o farlo minimo, di sussistenza e solo per Italiani).

Questa vorrei proprio che la eliminassero o la mettessero in stand by fino a quando non sono sicuri sull’attuazione corretta al 100%, se no richiamate il Berlusca. C’è anche il problema che sui soldi e i servizi erogati dal welfare lo Stato deve poter essere cattivo, il caso Lodi sui Buoni-mensa non aiuta in questo senso e là non sarebbero 5 euro di buono pasto sarebbe molto di più cioè finiranno per dire che glielo devi dare anche se non glielo devi veramente dare perché se no è razzismo etc. e poi ti devi mettere contro la cagnara dei sinistri e con la Corte di Cassazione che rischia di dare ragione a loro.

Mensa Bimbi-gate: perché sono i direttori dei Tg a doversene andare.

Attività commerciali in Italia gestite da stranieri negli ultimi anni.

Perché non è quello il modo di fare giornalismo e basta; Gli stranieri in Italia possono essere poveri o possono lavorare ed avere negozi e pizzerie o agenzie di money-transfer etc. ed essere benestanti, possono anche essere ricchi, se sei proprietario di un supermarket etnico o non etnico probabilmente tuo figlio ricade in una fascia di reddito alta o medio-alta, verosimilmente un cittadino cinese o pakistano che hanno dei negozi tranquillamente possono avere anche proprietà anche in Pakistan  o in Cina o altrove e poi c’è l’altro elemento: la dichiarazione dei redditi non si fa al sindaco e nemmeno alla scuola, si fa all’agenzia delle entrate e c’è per tutti, Italiani e no, lo spazio in cui si devono dichiarare eventuali redditi e proprietà percepiti all’estero, quindi:

di due cittadini pakistani o cinesi uno può essere fascia bassa e al bambino toccano i buoni mensa gratis, l’altro può essere di fascia alta o medio-alta e al figlio i buoni gratis non gli toccano, va bene? Lasciamo stare l’uso vile dei bambini, tutta la storia è stata riportata male, assurdamente, lasciando intendere che se non sono Italiani allora sono poveri e per di più non per informare la gente, ma per cercare inutilmente di scaricare Salvini, i Telegiornali non parlano dell’Italia e dell’immigrazione reale ma di una cosa ideologica che hanno loro in testa e nella loro testa c’è solo scaricare Salvini, solo che lo fanno in maniera superficiale, facilona e per fortuna falliscono, non c’è stato un solo servizio decente sul caso Lodi e sul fatto che uno non è povero perché è Pakistano, è povero se è povero e di due cinesi uno può essere il proprietario del negozio l’altro quello che sfacchina, quanto poi alla presunta difficoltà di documentare proprietà all’estero è stata un pò esagerata, c’è l’autocertificazione oppure farsi mandare un misero fax o e-mail dallo Stato di provenienza e non è che nel 2018 in Asia ed Africa gli Stati, tutti con regolare ambasciata funzionante a Roma, non abbiamo e-mail e fax, idioti, in realtà di Stati in guerra senza consolato e ambasciata ce ne sono pochissimi:

Ora voglio la testa dei direttori dei giornali e telegiornali. Su un piatto d’argento. Perché non è che il governo giallo-verde possa veramente continuare dipendere dai blogger e da Internet, i direttori e giornalisti RAI sono scadenti e vanno rimossi. Chiuso.