Category Archives: Economia

Lamborghini: Personale al voto del nuovo contratto. Ditegli No.

Contiene due o tre caramelle e “con un poco di zucchero la pillola va giù” tranne che a me, certe pillole non mi vanno giù comunque e lo zucchero non mi piace neanche tanto.

Perché mi sto interessando tanto di Lamborghini?

Perché Berlusconi, in buona fede ci vuole lamborghizzinare tutti: ha contattato l’Ad per governare Forza Italia e poi l’Italia intera come fa con la casa di super macchine.

Le cose non vanno bene in Europa, non vanno bene in Italia e non vanno tanto bene neanche in NordAfrica, la speranza che un gruppo di peones – deputati di un grande partito che si limitano a votare come è stato loro detto, vedi Forza Italia – ci salvi è assurda ma siamo disperati.

E a Lamborghini vendono, fanno macchine, siamo tedeschi ma non hanno demoralizzato il personale e non hanno delocalizzato in Polonia per pagare meno gli stipendi, però qui nel paradiso dell’Eden dei diritti dei lavoratori rispettati, dei permessi genitoriali, del capo buono che dice si, porta i bambini dal medico e vai a trovare tuo padre all’ospedale e vai a imparare l’Inglese, qui, si inserisce il diavolo, il serpente cui Dio e non altri consentì di tentare Eva per distruggere il paradiso terrestre – lo so sto esagerando, alla fine sono metallurgici, altro che Eva in pigiama – ebbene il diavolo entra in scena più debolmente che nel Faust nella personcina antipatica e malata di Francesca Re David, una con un cognome che sa tanto di cognome ebraico inventato, del PCI di Roma, ma di quelle signorine comuniste che hanno fatto il Liceo Classico, poi si sono iscritte all’Università in un facoltà che non c’entra niente con il lavoro duro e puro,

worker weld metal in factory and sparks

con gli spruzzi di fuoco della metallurgia come ce la fanno vedere in televisione – che ancora un pò e vuoi andare pure tu – ebbene visto che era del PCI con il Liceo Classico e la Laurea in Storia è andata a fare la capa dei metallurgici, e perché? Oddio, per inserirmi i diritti dei gay tra i diritti dei lavoratori, eccola qui la pillola avvelenata Link

Un estratto dell’articolo linkato:

Duelamborghini
due Lamborghini di fronte al centro direzionale

“Il nuovo integrativo

«Diritto» all’assemblea (anche per addetti in appalto).
«Valorizzazione di tutte le diversità presenti in azienda, sia di genere sia generazionali».
Ore di permesso per le visite, anche per i figli, i genitori o dal veterinario.
Impegno allo smart working e per la mobilità sostenibile.
Contributo aziendale per i periodi di astensione facoltativa per maternità (dal 30% al 40% a carico azienda più il 30% riconosciuto dall’Inps) per favorire la «parità genitoriale».
Attività contro l’omofobia.
E, ovviamente, aumenti sostanziosi in busta paga.
Sono alcuni dei contenuti del nuovo contratto integrativo aziendale per la fabbrica della Lamborghini di Sant’Agata Bolognese per il quadriennio 2019-2022. L’accordo tra i sindacati e la dirigenza della casa italiana di proprietà del gruppo Volkswagen è stato raggiunto nella notte di martedì e ora l’ipotesi di accordo verrà votata dal personale con un referendum interno.

Sì, io chiedo due cose:

Che i lavoratori rivendichino il diritto alla libertà di parola ed eliminino la parte sull’omofobia e sulla diversità, perché questo apre le porte a matrimoni ed adozioni gay, gay pride e limitazioni gravi della libertà d’espressione per chi è contrario.

Che si liberino di questa tipa Re David, ed esigano per capo del sindacato uno che ha lavorato in fabbrica. Queste persone come la Re David sono inserite dentro i sindacati direttamente in ruolo di dirigenti senza aver mai lavorato in fabbrica o nel settore di cui si occupano unicamente per inserire l’agenda LGBT e farsela difendere dai lavoratori e rivendicarla in nome dei lavoratori; io ero nella CGIL e mi piaceva anche, ma a un certo punto pretendevano che fossimo tutti d’accordo sull’inseminazione artificiale eterologa. Io non ero d’accordo. La gente vuole sapere chi è suo padre, le persone che smaniano di avere figli come se fosse un loro diritto non associato a doveri, poi pretendono di abortire o distruggere gli embrioni cosiddetti “soprannumerari” – quelli che loro non vogliono dopo averli fatti – così se ne tengono uno invece di tre, con tanto di donatore di sperma idiota che non vuole essere padre – e chi la vuole la tua discendenza? – io non sono e non ero d’accordo, nel sindacato ci sono queste signorine che arrivano fresche di laurea senza aver mai fatto parte del gruppo dei lavoratori a dire come se fosse scontato che i lavoratori devono essere d’accordo su elementi estremi della loro cultura: matrimoni gay, inseminazione eterologa etc.

Cacciatela, ha già parlato contro Salvini – anch’io parlo contro Salvini, ma non lo faccio a nome dei siderurgici, lo faccio a nome mio e per altre cose l’avevo anche supportato. –

La Francia rimanda gli immigrati irregolari in Italia link la Germania li seda, li mette su un areo e li rimanda qui senza nemmeno avvisare, l’Italia? Ha un ministro della difesa indegno che fa sbarcare clandestini dalla Tunisia – che è un paese in pace ed un porto sicuro – un gruppo di magistrati che si è impossessato degli organi di controllo della magistratura e che lavora contro la sovranità nazionale, un governo che dice di voler fare la riforma del sistema giudiziario ma ancora non l’ha fatta e chi manda in Europa a farci difendere? Moavero Milanesi un altro nemico interno ed estremista della globalizzazione rispetto a cui perfino Macron ha più ragione, la Re David, ora, che distrugge ancora di più lo Stato a nome dei siderurgici e fa la lotta contro Salvini e per avere ancora altro “gay pride e chi non è d’accordo stia zitto” e non mi piace.

E’ laureata in Storia? vada a fare l’insegnante di Storia.

Che c’entra lei con voi?

14159060-un-ouvrier-métallurgiste-de-la-construction-métallique-de-soudure-sur-le-site

Inserite un documento sulla libertà di parola, eliminate la parte gender e cambiate “leader”. Eleggete uno di voi per leader.

No sbarchi a Lampedusa e NO UE: ecco perché.

Ecco qui il link all’articolo del Giornale che riporta che la Bild tedesca chiama “plebei” gli Italiani Link

Ribadisco che negli anni 80 fuori dall’euro solo con la sovranità monetaria e senza le regole e i legacci del mercato unico UE l’Italia era la quinta potenza economica e industriale non d’Europa, ma del mondo intero e visto che l’URSS in realtà stava crollando – per colpa del comunismo – probabilmente eravamo la quarta, tenuto conto che USA e URSS sono di dimensioni continentali, solo la California sarà grande quanto tutta l’Italia. Perché dovremmo restare in questa prigione con camera di tortura annessa che si chiama UE? La Svizzera è fuori, la Gran Bretagna sta uscendo, gli Stati Uniti sono sovranisti ed ora dovremmo esser insultati dalla capitana di un peschereccio, perché la Sea Watch è un peschereccio, e stare a farci controllare la finanziaria con le procedure d’infrazione da non si sa chi e non poter esportare, non poter svalutare la moneta etc.: dobbiamo uscire, ci serve solo la NATO, Trump e gli Stati Uniti sono dalla nostra parte, Paesi forti e occidentali sono fuori, come Svizzera, Australia, Gran Bretagna, Nuova Zelanda, possiamo tornare tranquillamente come negli anni ottanta. Basta UE. Solo Occidente e NATO e torniamo almeno quarta potenza mondiale.

La Tassa di Soggiorno è una mazzetta che il Comune si prende dagli Albergatori. Si può eliminare?

Io odio la tassa di soggiorno. Ora vi spiego perché mi duole questo punto: ho/avevo una mezza idea seria di andare a Milano a fare un corso WordPress per migliorare le prestazioni di questi siti, gestirli autonomamente, imparare ad usare plug-in WordPress.org e roba varia, e così ho navigato un pò in giro anche per trovare alloggio, albergo etc. Ora indipendentemente dal prezzo, mi disturba psicologicamente “la tassa di soggiorno” mi sembra il film di Troisi e Benigni in cui per entrare a Firenze c’era il doganiere fissato che bisognava pagare “1 fiorino” io questo fiorino non glielo voglio dare; innanzitutto è pensato come una mazzetta: lo vogliono in contanti, neanche te lo contabilizzano proprio perché lo devono versare al Comune e poi io non ho capito, se sono cittadina Italiana perché devo pagare per entrare a Milano o a Torino o a Venezia, che vuol dire la tassa per essere in città? Io accetto il prezzo dell’albergatore, mi puoi dire “cento euro a notte – spero con colazione, perché con cento euro te la paghi – invece di dirmi 95 euro a notte tasse incluse e poi aggiungere 3 o 4 o 5 euro a notte di tassa di soggiorno da pagare in contanti…insomma è vergognoso, mi pare la mazzetta dentro il panino per il Comune. Io capisco che l’albergatore non voglia contabilizzare quei soldi perché poi li deve stornare se no glieli tassano, però ho antipatia per il concetto che si va a chiedere una specie di mini-pizzo a chi sta già in albergo e spende soldi in città, spero che ai passanti almeno non la chiedano, il Comune si prende IMU e TASI dagli albergatori, ‘sta tassa di soggiorno cos’è? Il pizzo sul pernottamento? Se Venezia è rovinata, non è rovinata da chi sta in albergo è rovinata dalla massa magari portata dalla mega nave da crociera, 2.400 persone che invadono Piazza San Marco tutte insieme per mezz’ora e al limite si mangiano un panino e poi, se io sono cittadina Italiana, vuoi che non possa andare a Venezia o a Milano? Ma scherziamo che io debba pagare per mettere piede a Roma? Questo paese mi pare stia andando male e va corretto, in Gran Bretagna Boris Johnson sta vincendo la corsa per diventare Leader dei Tory promettendo di abbattere le tasse, non si sovraccarica chi lavora e ovviamente il turista o quello che deve andare in una città due settimana con tasse, tassine, sovrattasse, da pagare pure a mazzetta in contanti. Io odio le spese extra, se tu mi dici un prezzo, basta è quello, io non contesto l’albergatore al limite se è alto cambio albergo e me ne vado dove mi danno letto e prima colazione a 44 euro invece di cento però basta, te li sei presi dalla carta di credito, io ho fastidio del concetto di tassa di soggiorno e del fatto che glielo devo pagare extra in contanti.

Questo Paese va fatto funzionare. Bene.

FCA: salta la fusione. Meno male. Ma funziona ancora il Centauro?

FCAMirafiori
FCA – interni sede Mirafiori

Io sono contentissima che sia saltata la fusione FIAT-Crysler Renault per via del fatto che si profilava in realtà come una vendita ai Francesi con tanto di Stato Francese despota e  la famiglia Agnelli-Elkann senza più il controllo della società, nonché il trasferimento del Quartier Generale a Parigi etc. Link

Ora Landini della CGIL si lamenta che lo Stato Italiano non intervenga a favore del settore dell’auto e ricorda che tutti gli stabilimenti in Italia siano pieni di precari.

Tra tutte le congetture possibili mi viene in mente se Mediobanca funzioni ancora da Centauro o no.

Una volta questo paese funzionava perché era concentrato sull’interno con lo Stato che finanziava la grande industria con il cosiddetto Centauro, cioè Mediobanca prendeva dalle tasse di tutti gli Italiani e finanziava gruppi grossi per l’industrializzazione che però dovevano investire in Italia, assumere per lo più Italiani tranne per bisogno di competenze che in Italia non c’erano e  garantire contratti di lavoro blindati, di lusso, la famosa impiegata milanese che prendeva due milioni la mense di stipendio, aveva il week-end libero e diritto allo straordinario pagato dai 35 minuti extra in poi, non come oggi, mia cugina lavora a Milano e addirittura si permettono di farla andare in ufficio su richiesta anche la domenica e le danno delle scadenze in modo che debba fare straordinario non pagato “perché ci sono le scadenze da rispettare” invece di assumere, come dovrebbero, un impiegato in più.

Poi c’erano le commesse di Stato: io me lo finanzio, tu mi assumi i disoccupati di qui ed io Stato me lo compro; un pò io me la canto, io me la suono e io me la compro, però con un pò di export funzionava.

Aggiungi la Lira e l’autonomia di scegliere i mercati esteri, per es. la Russia che ora la UE non ci consente di scegliere. Già ai tempi di Enrico Mattei, a malapena una quindicina d’anni dopo la fine della guerra, si dice, l’abbiano ammazzato per bloccare  l’industrializzazione Italiana che andava col turbo. Così si disse, che ci dovevano ridimensionare, perfino le Regioni pare siano state istituite a scopo di indebolire lo Stato centrale senza che nessun Italiano ne sentisse il bisogno.

Certo lo Stato-Nazione funziona, per noi Italiani è molto facile far funzionare lo Stato-Nazione, c’è tanta gente che fa l’Università, ce ne sono così tanti che si parla appunto di fuga di cervelli cioè del fenomeno che in tanti abbiano titoli di studio superiori alle possibilità di lavoro e se ne vanno all’estero. In Gran Bretagna per fare l’equivalente del Liceo classico o scientifico si deve essere ricchi, si deve esser ricchi perfino per fare il corso universitario per diventare infermiere, in Italia chiunque se lo vuole può mandare i figli al Liceo e all’Università Statale, costano solo le private.

Se tu all’Italia dai la sovranità monetaria e il centauro ridiventa un paese industrializzato e i contratti di lavoro sono buoni, Landini può andare a battere i pugni sul tavolo in FIAT etc. Le segretarie durante il week-end se ne vanno a Capri con un corteggiatore…scherzo, questo è un luogo comune. La domenica lavorano solo negli alberghi e a regime ridotto.

La mia domanda come anche quella di Borghi e del Team di StopEuro è la seguente: si può sapere perché non torniamo al sistema precedente di chiara matrice sovranista?

La catena Stato Nazione-Centauro-Industria-Sindacati faceva più o meno star bene tutti perché il benessere ricadeva fino allo spazzino e l’industriale aveva le sue Ferrari nel parco macchine. Era perfino un paese cristiano: domenica libera e vacanze di Pasqua e Natale.

Ora perché, e m’interessa l’opinione di Landini, chi vuole tornare al modello precedente sarebbe fascista? Dato che è un modello che si è sviluppato nel dopoguerra ed è stato demolito dal 1992 al 2001 tramite Mani Pulite e la UE da agenti consapevoli della globalizzazione? La catena precedente senza sovranità monetaria è meno potente perché viene bloccato l’export, che ce ne facciamo del Mercato Unico Europeo se ci blocca l’esportazione in Russia e ci riempie di prodotti concorrenti anche da fuori Europa? per esempio agrumi non solo da Grecia e Spagna che sono comunque nella UE, ma anche da Tunisia e Marocco, che mentalità c’è alla UE? Io me la sono stufata.

Ora non è tanto colpa di DiMaio, è colpa di chi vuole bloccare il ritorno alla sovranità monetaria ed allo Stato-Nazione, se alla catena di cui sopra aggiungi anche un paio di industrie di Stato o l’IRI che, da Wikipedia “…nel 1992 chiudeva l’anno con 75 912 miliardi di lire di fatturato, ma con 5 182 miliardi di perdite.[2] Ancora nel 1993 l’IRI si trovava al settimo posto nella classifica delle maggiori società del mondo per fatturato, con 67,5 miliardi di dollari di vendite.[3] Trasformato in società per azioni nel 1992, cessò di esistere dieci anni dopo.”

L’Unione Europea e l’euro hanno demolito l’Italia, se la si vuole ricostruire i mezzi e gli uomini ci sono, se poi si vuol continuare a dire fesserie sugli intenti pacifisti della UE e che “non possiamo uscire dall’euro” allora è anche inutile prendersela con Elkann o con DiMaio.

Lo Stato-Nazione funziona, l’UE no. Se ve lo volete mettere in testa ve lo mettete in testa, io voto per rifare la catena StatoNazione-Centauro/IRI-Industria-Sindacati, mi dispiace se Landini si abbassa a volgari accuse di “fascismo” per chi l’ha capito. Almeno con Landini e i sindacati si dovrebbe poter parlare, se no tra un pò li potranno chiudere i sindacati. Tra l’altro ora i Sovranisti abbiamo il vento a favore: i Britannici stanno facendo hard Brexit ed alla casa Bianca c’è Trump che ama molto l’Europa, inclusa l’Italia ed è sovranista, anche lui accusato di essere fascista etc. il che vuol dire, oggi come oggi, che sta combattendo il Nuovo ordine Mondiale, quindi, paradossalmente è perfino un complimento.

Non ce la facciamo senza Stato_nazione, il Nuovo ordine Mondiale non si gestisce in nessuna maniera, né credo che Bergoglio abbia le competenze.

Abbiamo capito: hanno venduto la FIAT Chrysler ai Francesi.

Ferrari_488_GTB

“Red is the colour of my love” “Il rosso è il colore del mio amore” canta Heather Graham cercando di vendere la canzone a Britney Spears per l’album Femme Fatale, ma il team attorno a Britney non l’ha voluta, peccato era bella. E rosso deve essere il colore dell’amore di John Elkann visto che ha veduto tutto ai Francesi tranne la Ferrari NV che era stata scorporata dal gruppo FCA nel 2016 e rimane però mezza olandese con sede legale ad Amsterdam e solo operativa a Maranello. La Ferrari rimane controllata da Exor.

Per il resto, insomma, si sa da Affari Italiani e da due articoli di Repubblica e Il Post che John Elkann, con la moglie Borromea, si sono venduti FCA ai Francesi, mascherando la vendita da “fusione” dal Lingotto non commentano, ma i Francesi, incluso il governo francese al contrario di quello Italiano “parte in causa” ed azionista di Renault ora vuole il Quartier Generale a Parigi.

Certo che Gianni Agnelli aveva puntato su John Elkann come “erede” addirittura gli ha fatto ereditare di più che agli altri nipoti tanto che la madre Susanna Agnelli si è arrabbiata e non è andata al matrimonio del figlio.

FCA

Fonte: “Secondo i principali quotidiani finanziari, le aziende automobilistiche FCA e Renault hanno raggiunto un accordo in vista della fusione a cui stanno lavorando: il quartier generale operativo della nuova società si troverà in Francia. La decisione ha lo scopo di far accettare la fusione al governo francese, che detiene il 15 per cento di Renault e controlla due seggi nel consiglio d’amministrazione della società. La fusione sposterebbe ulteriormente il baricentro di FCA fuori dall’Italia, ma secondo i piani presentati fino a questo momento non causerà chiusure di stabilimenti o perdita di posti di lavoro in Italia o in Francia.

– Leggi anche: La FIAT prima e dopo Marchionne

La fusione dovrebbe avvenire al 50 per cento, quindi tutti gli attuali partecipanti vedrebbero dimezzate le proprie quote nella nuova società. La famiglia Agnelli-Elkann, che è proprietaria di circa il 30 per cento di FCA, perderebbe per la prima volta il controllo autonomo della società.

L’hanno fatto: hanno venduto.

Altra fonte

Credono nell’Italia, eh? Hanno venduto La Stampa, ora la FIAT, sono dietro al PD che vuole l’invasione del paese di migranti – quindi la vogliono loro e dicono a Zingaretti e prima di lui Renzi quello che devono comunicarci, così odiamo Zingaretti e Renzi e non loro, tutti tranne me che invece odio direttamente loro – ma intanto loro che il francese lo sanno parlare piano piano si spostano in altri Paesi, l’amatissima Francia e l’Olanda. DeBenedetti la Svizzera.

Sapete perché l’Italia è di Destra?

Perché quelli di Destra sono gli unici che rimangono i capi e capetti della sinistra pian pianino fanno le valigie e se ne vanno – con tutto l’argento di famiglia, come Elena di Sparta -.