Category Archives: Giustizia

Scandalo TAR Lazio: annulla concorso ed impone chiamata diretta cioè la raccomandazione. E l’ashtag dov’è?

Se c’era bisogno di un hashtag era precisamente quello che credevamo di aver dato ieri #class_action_contro_tar_lazio che però non esiste.

Eppoi?

Eppoi questa: il tweet dei professori di Legge è più che mai giusto, ma io non lo trovo su twitter, lo potevano incorporare invece di copiare ed incollare la foto,

NoTARLazio
questo era il tweet

guardate che cosa i Giudici del TAR del Lazio hanno fatto in nome della Giustizia: hanno annullato il concorso con procedura selettiva in base al merito per il lavori all’Università La Sapienza ed imposto “per risparmiare” la chiamata diretta, cioè la raccomandazione, cioè che un professore possa dare un posto di lavoro a chi vuole lui all’Università senza selezione, senza concorso pubblico: è scandalosissimo non semplicemente scandaloso.

Fonte

SPENDING REVIEW NEI CONCORSI PUBBLICI

Il Tar Lazio annulla la procedura selettiva, meglio la chiamata diretta per minimizzare i costi

Il Tar Lazio annulla la procedura selettiva, meglio la chiamata diretta per minimizzare i costi

Il Giudice amministrativo in materia di concorsi indica la scelta della chiamata diretta a ruolo in luogo della procedura selettiva più dispendiosa – la chiamata diretta è la raccomandazione, va bene? E’ una puttanata –

Il Tar Lazio ha disposto l’annullamento del concorso bandito dalla Università degli Studi di Roma La Sapienza per il reclutamento di professori universitari di seconda fascia per l’Area CUN 6 – Scienze Mediche.

Il giudice Amministrativo ha accolto integralmente il ricorso di un candidato – un candidato che probabilmente era l’asino che col concorso non sarebbe passato ndr –  e con la sentenza n. 6237/2014 dell’11 Giugno 2014 ha ritenuto illegittima la procedura di concorso riconoscendo che: a) l’Università avrebbe dovuto procedere alla chiamata del ricorrente – ricercatore a tempo indeterminato della Sapienza – piuttosto che avviare una dispendiosa procedura selettiva. – cioè il TAR del Lazio dà i posti di lavoro all’Università al posto dell’Università ?

Infatti il bando non aveva considerato la più snella procedura di chiamata prevista dall’art. 24, comma 6, della legge 240/2010, optando per seguire la procedura alternativa e più dispendiosa dell’art. 18 della legge n. 240/2010. – Vorrei rimarcare che la chiamata diretta non è una procedura più snella è in pratica la fottutijssma raccomandazione, cioè il professore dà il posto a chi vuole lui a prescindere dai meriti, dal curriculum, dalle pubblicazioni etc e sono posti di lavoro pagati coi soldi dello Stato in un Università pubblica ndr

Se si fosse applicato il sesto comma dell’art. 24 della L. 240/2010, il ricorrente, ricercatore a tempo indeterminato della Sapienza, risultato idoneo, sarebbe stato chiamato dal relativo Dipartimento e inquadrato nel ruolo di professore associato con risparmio di spesa da parte dell’Amministrazione la quale avrebbe potuto chiamare direttamente il professore che avrebbe potuto essere inquadrato nel ruolo di professore associato con conseguente risparmio di spesa da parte dell’Amministrazione.

Il Tar Lazio nella sua motivazione inserisce anche un richiamo alla spending review ed all’importanza per la pubblica amministrazione di opzionare di volta in volta la procedura che sia maggiormente aderente ai criteri di economicità ed efficienza della stessa attività amministrativa.

Così prosegue il Tar in tema di rispetto di spending review:  “In altri termini, atteso il numero dei docenti già in possesso della abilitazione scientifica di cui all’articolo 16, l’Università avrebbe potuto procedere alla chiamata ai sensi dell’art. 24, della menzionata legge 240, piuttosto che avviare una nuova e più dispendiosa procedura selettiva, in conformità ai principi di economicità, efficienza e non aggravamento della procedimento amministrativo”.

Dunque

Vaffanculo TAR del Lazio

Per favore questi professori Universitari che devono fare la rivolta contro questi abusi gravissimi lo sanno fare un tweet e un hashtag o twitter glielo proibisce? Non so, se devono chiamare Jared Kushner per farsi organizzare la campagna sui media…

Professori Universitari di Diritto contro TAR Lazio. Firma la class action.

tar-del-lazio
“La sala del potere” noi non lo sapevamo, ma il potere supremo si amministra qui: al Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio – (?) –

10 tra le più importanti Università inclusa Bologna – e mi fa immenso piacere – si svegliano dal torpore, generale e colpevole, nei confronti dell’insostenibile incivile e cafone-di-lusso golpe giudiziario: “Docenti di Diritto Universitario ‘BO, FI, PV, RE, MO, PD, PR, MI, VE, TO + altre, sono DISPONIBILI a firmare e guidar #class_action_contro_TAR_Lazio , per suo intervento NON ammissibile, destabilizzatore Istituzioni repubblicane  e procurato Danno Erariale da Obbligo di Sbarco finti Profughi”.

NoTARLazio
Tweet dei professori

Ora anche senza essere giuristi ce ne eravamo accorti che il TAR del Lazio sgarra oltremodo al di là delle sue competenze, visto che TAR è l’acronimo di un banale:

Tribunale Amministrativo Regionale

Come fa ad avere competenze sullo sbarco profughi e l’avvicinamento di barche cariche di immigrati clandestini che si trovano in acque internazionali o territoriali dell’ Italia in zona Sicilia, il TAR del Lazio?

Che tra l’altro è un tribunale amministrativo non militare o civile, dovrebbe sbrigare faccende di burocrazia interna alla regione Lazio, sennò cos’è?

Non solo questa dei migranti, che la Trenta, l’infame che abbiamo al Ministero della Difesa usa per appoggio per andare a prenderne altri, in una maniera così assurda che mi fa sospettare che sia stata fotografata anche lei nella villa di Epstein a far sesso con qualche minore per come si comporta, questa donnaccia, la donna ministro delle Difesa, una pazza cretina e infame, dicevo, non solo questo, io ho un sacco di parenti che lavorano nella scuola, le sentenze del TAR del Lazio sulle immissioni di insegnanti nelle scuole pubbliche sono indecenti e arbitrarie, del tipo: la gente perde il concorso per diventare insegnate, fa ricorso al TAR e il TAR li promuove in blocco e li fa entrare nella scuola lo stesso, senza nessun test, nessun controllo degli esami, niente; oppure, la Regione Campania – sic – ammette molti più presidi del numero chiuso imposto dalla Legge, chessò ci sono 4000 posti e la Regione Campania ne fa passare 10.000, non sa dove metterli, fanno ricorso al TAR e il TAR del Lazio li manda manu militari nelle altre Regioni dove avevano rispettato le regole del numero chiuso ed avevano così escluso i propri candidati soprannumerari. Ma il TAR non è regionale? E non sono stati quelli della Campania ad infrangere la regola del numero chiuso? Che funzioni ha il TAR del Lazio?

Rimarco una parola: si chiama Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio NON Tribunale Amministrativo della Regione Lazio e si comporta come se fosse sopra la Cassazione…

Firmiamo questa petizione e sosteniamo questi professori universitari.

UnknownTARL

Ci sono poi le contestazioni politiche: Conte, viene fatto notare, è professore di Diritto quindi lo sa che il TAR sgarra in maniera assurda, però la fa passare, “fanno finta” che sia normale, Conte e Mattarella.

Io il rimpasto di governo lo farei anche solo per liberarmi di Conte, Elisabetta Trenta, Moavero Milanesi e Tria – il padre dello scafista – dobbiamo coalizzarci per fermare questo golpe in chiaro – a-militare – ed aiutare anche i tedeschi e gli altri occidentali che si stanno ribellando contro questa metastasi dell’Occidente messa in moto dal cancro Massoneria – sì è la Massoneria, lo dicono tutti, anche Conte e Mattarella saranno massoni, va bene? – ora servono i professori di lingue oltre a quelli di Diritto, per organizzare la rivolta internazionale; io l’avevo detto, bisogna fare il Right-wingers’ Club “Il Club di quelli di destra” internazionale, ma ora non credo nemmeno che si tratti destra e sinistra in maniera classica, è una questione chiara di Democrazia contro il golpe burocratico-massonico.

E le cose si sono già smosse potentemente in Gran Bretagna, Boris Johnson lo ha detto e lo farà: il 31 Ottobre è Hard Brexit.

E Dio sa cosa vuol dire.

Denunciate Salvini per Truffa aggravata: La Lega Salvini Premier non esiste, ha usato questo nome per portare voti alla Lega Nord Indipendenza Padania.

Si, io voglio che Matteo Salvini venga denunciato per truffa aggravata e con lui venga denunciato ed arrestato il personale del Ministero delle Finanze che ha consentito allo stesso partito di avere due codici per la raccolta del 2 per mille facendo credere seriamente che ci fosse stata una scissione e che ci fossero due Leghe: La “Lega per l’Indipendenza della Padania” e la “Lega Salvini Premier” quest’ultima con lo slogan “Prima gli Italiani” mentre legalmente la Lega Salvini Premier non esiste è un nome truffaldino per portare Italiani non del Nord o non favorevoli alla Padania a votare lo stesso per la “Lega Nord per l’indipendenza della Padania” usando l’accorgimento di scrivere solo “Lega” sul simbolo elettorale (?). Fonte

In realtà i partiti non sono due perché in Italia è vietato avere la tessera di due partiti politici contemporaneamente, come può Salvini essere iscritto come membro sia della Lega Nord per l’Indipendenza della Padania che della Lega Salvini Premier con lo slogan fraudolento “Prima gli Italiani”? È come se gli indipendenti della Catalogna cercassero voti nel resto della Spagna fingendo di amare la Spagna e dicessero “Prima gli Spagnoli”, ma ci sono molti intrallazzi illegali che devono portare persone potenti all’interno del ministero delle finanze ad un processo per frode dall’interno dello stato, perché alle due leghe sono stati assegnati due codici diversi per riscuotere le tasse “La Lega per l’indipendenza della Padania” cod. D13 e la Lega Salvini Premier cod. D43 Fonte ufficiale del Ministero delle Finanze

FonteMinisteroF

ma sulla scheda elettorale c’è un solo simbolo chiamato “Lega” senza ulteriori specifiche … (?) anzi si fa credere che non sia la Lega per l’Indipendenza della Padania bensì quella Salvini Premier, però l’altra la Lega per la Padania non compare, mi hanno detto che è inglobata:

fac simile elezioni europee scheda elettorale-2

Scheda elettorale Elezioni Europee 2019

fac-simile-2-640x616Scheda elettorale Elezioni Politiche 2018

In questa maniera si consente ad uno stesso politico di fare campagna elettorale con due programmi completamente diversi ed infatti è volato nei sondaggi perché propone un programma per un certo tipo di elettorato ed un altro con un altro nome per un altro tipo di elettorato. I partiti sono due o uno? Se sono due Salvini non può avere la tessera di tutti e due e non può essere presidente o segretario generale di tutti e due, se è uno Salvini usa lo slogan “Prima gli Italiani” per portare voti ad un Partito che vuole, da Statuto e da nome ufficiale, l’Indipendenza della Padania. Non è illegale?

Io non voglio supportare un partito secessionista che però da Roma in giù si spaccia per unitario e nazionale: io non credo che possa essere legale. Aggiungi che sulla scheda elettorale il simbolo è uno, c’è scritto solo “Lega” e non si capisce per chi e per quale programma si sta votando. Per me sono voti rubati a Forza Italia, Fratelli d’Italia o altri partiti veramente nazionali di centro-destra.

Due domande chiarificatrici:

a) C’è ancora la legge che dice che non si può avere la tessera di due partiti?

b) E’ normale proporre l’Unità d’Italia in un posto e la secessione in un altro?

Secondo questo articolo il partito è uno, altri dicono che sono due Fonte il Segretario Generale del partito è lo stesso Salvini, si può sapere come fa tutto ciò ad essere legale?

D43

Per favore, arrestatelo per truffa aggravata ed anche chi dentro lo Stato ha consentito tutto questo.

La Lega che vola nei sondaggi è una, se ha il 35% ha il 35% non è che quella nazionale ha il 13% e quella padana il 22%, vola nei sondaggi perché fanno campagna elettorale dicendo cose diverse a seconda dell’elettorato. Se io ha fatto campagna per Salvini premier non ho anche fatto campagna elettorale per l’indipendenza della Padania però in pratica gliela fai automaticamente, ora litigano per le autonomie, dicono che il Veneto ne vuole troppa, ma si può sapere che c’è scritto in questi statuti? Se Salvini va al Sud o a Roma per fare campagna elettorale per il Partito Nazionale e poi i voti però se li incamera per rafforzare spinte indipendentiste al Nord non è forse truffa con la complicità di gente dentro lo Stato? Se facesse solo campagna al Nord per l’Indipendenza della Padania avrebbe molti meno voti, forse la metà o ancora meno, e meno parlamentari a Roma e a Brussels. Andrebbe arrestato pure Tria che gliel’ha fatto fare dal Ministero delle Finanze. Oppure vuol dire che hanno cambiato la Legge e si può avere la tessera di due partiti diversi e pure essere il segretario generale di due partiti diversi.

Due partiti diversi, con due codici distinti per la riscossione del 2 per mille di tasse, che sulla scheda elettorale diventano magicamente uno usando un nome abbreviato, solo la prima parola “Lega” in modo da non rendere chiaro quale dei due stai votando, con lo stesso Segretario Generale, ma cos’è questo? È impossibile che sia legale.

Perché se tu voti Lega al Sud automaticamente stai rafforzando anche quella della Padania del Nord però tu hai sotto gli occhi un programma diverso, quando vanno in televisione i politici sono quelli della “Lega” non ce ne sono uno della Lega nazionale ed uno della Lega padana che magari litigano sull’unità nazionale o sulle autonomie, per es. Giorgetti di che Lega è? Come è possibile che gli abbiano consentito di fare una cosa del genere?

Io tolgo qualunque supporto a Salvini.

È peggio di Arlecchino servo di due padroni. E per favore aprite un processo serio perché secondo me hanno infranto un paio di leggi con l’aiuto di gente interna allo Stato. Per es. il Ministero delle Finanze.

P.S.

Poi dicono che i truffatori sono a Napoli.

Se è un partito deve aver uno statuto, un programma ed un simbolo sulla scheda elettorale; oltre ad un codice per la raccolta del 2 per mille.

Se sono due partiti devono avere due statuti, due programmi e due simboli alternativi sulla scheda elettorale; e due codici per la raccolta del 2 per mille.

E non possono in nessun caso aver lo stesso Segretario Generale.

Nessuno ha chiesto all’attuale ANM se siano d’accordo sulla riforma della Magistratura che faremo.

I tacchini non votano se abolire la festa dell’Indipendenza in America – o il Natale in Gran Bretagna – perché il tacchino è la vittima arrossita di queste due feste. Non è che noi vogliamo che Poniz o la Alessandra Vella o i magistrati che fanno il bello e il cattivo tempo oggi, come David Ermini – PD – vogliano o meno la riforma della Magistratura che stiamo per fare: certo che loro non vogliono. Intanto Carola Rackete denuncia Salvini, Salvini lo abbiamo eletto noi, non è che sia un dittatore e in seguito alla liberazione di questa donna sgradevole, brutta, ciabattaia e comunista, altre ONG stanno portando migranti, tanto, hanno i traditori interni, i magistrati, ad aprirgli i porti, come la puttana che aiutò gli Ebrei a fare l’invasione di una città aprendogli la porta dall’interno – Fonte: Bibbia – quando noi altri Italiani li vogliamo chiusi e sempre là a dirci quanto siamo razzisti e fascisti, noi Italiani, e voi chi siete? Chi comanda in Italia? Perché cazzo dovrebbero comandare quattro magistrati? Che mentono sulle leggi nazionali ed internazionali e poi se gliela facciamo la riforma della magistratura la devono ingoiare perché a quel punto non hanno più potere sui carabinieri che sono quelli che hanno il mitra e fanno gli arresti, quanto alla Costituzione, a parte che dà diritti ai cittadini non ai migranti e non ha mai obbligato l’Italia a prendere clandestini o portare in Italia naufraghi presunti pescati davanti alla Tunisia – porto sicuro, ancora per poco, quando li bombardiamo magari non sarà più sicuro per davvero – a parte che Craxi faceva bombardare i gommoni e i barconi sulle coste africane e quelle della ex Jugoslavia ed era tutto costituzionale e la Costituzione era la stessa, a parte tutto questo, anche la Costituzione si può cambiare eventualmente, bastano i due terzi del Parlamento. Berlusconi li controllava lui da solo due terzi del Parlamento nel 1994 – vinse col 64% dei voti, qualcuno non gli perdona di non averla fatta solo perché il giornaletto di DeBenedetti sbraitava ed abbaiava  e per due comici sozzoni in RAI come Luttazzi –

Questo è il rispetto delle leggi che hanno i magistrati secondo Edward Luttwak che è straniero ed ha viaggiato:

è ovvio che Carola Racket abbia infranto le leggi ed è ovvio che i magistrati – pedofili? massoni? comunisti? cosa? – le facciano sponda dall’Italia. Fategliela ingoiare la riforma della magistratura a quelli di Magistratura Democratica e di AREA – ed anche agli altri – si può sorteggiare il CSM – certo che si può sorteggiare, i magistrati devono servire allo Stato, non lo Stato ai magistrati – si può sorteggiare la Corte di Cassazione e si possono imporre orari di ufficio, non la libertà di presentarsi in Tribunale alle 10:30 dopo aver convocato tutti alle 9:00, i magistrati devono essere trattati come gli insegnati, devi entrare a scuola alle 8:15 non è vero che ti puoi presentare quando vuoi tu, e il sorteggio evidentemente non è politico. Certo che col sorteggio costerebbe molto di più corrompere i magistrati, con le correnti che funzionano ad imbuto la corruzione costa meno. Poniz mi fa schifo i corrotti erano del PD e Poniz è un altro del PD, e io me li sono stufati i magistrati del PD, io neanche lo dovrei sapere per chi vota un magistrato. Poi che fai quando abbiamo riformato la magistratura e magari anche la costituzione? Ci mandi i carabinieri? Ma allora comanderebbero direttamente i carabinieri perché tu saresti delegittimato e i carabinieri avrebbero scuse per non obbedire al magistrato abusivo.

La colpa è anche un pò dei 5 Stelle e di Giuseppe Conte, spero che Conte che è Professore universitario di Legge usi le sue capacità per farla bene la Riforma. Che cosa di più apolitico e neutrale del sorteggio? Alla fine la Giustizia è una dea bendata:

GiustiziaDeaBendata

o non ti piace neanche questa?

Per me i Giudici di Agrigento Patronaggio e Vella vanno sospesi: non è vero che Rackete non ha commesso reati. Lei sparatele.

Ricordo a tutti che tra 11 giorni è l’anniversario della Rivoluzione Francese: 14 luglio, presa della Bastiglia.

Dobbiamo fare festa nazionale e cominciare ad entrare nell’ottica che noi ai Giudici, all’élite, al Presidente della Repubblica ed ai preti e suore gli dobbiamo sparare, con tutta Carola Rackete e possibilmente con tutto il presidente dell’Unione Europea.

PresadellaBastiglia
Presa della Bastiglia 14-luglio-1789

I cattolici si lamentano che durante la Rivoluzione Francese furono ammazzati preti e suore? Certo che furono ammazzati preti e suore: se lo meritavano, i preti e le suore erano strutturali al sistema francese ed aiutavano i nobili a distruggere il resto della popolazione, e perché? Bergoglio che sta facendo? Non sta aiutando il Nuovo Ordine Mondiale a distruggere la nostra confortevole società borghese? Lasciamo perdere che il sistema francese consentiva di star benissimo ad una percentuale infinitesimale della popolazione – i nobili primogeniti – e la chiesa cattolica invitava a calarsi le braghe, nonché costringeva i figli cadetti dei nobili non adatti all’esercito a chiudersi in convento volenti o nolenti, il quale convento era nel migliore dei casi un carcere a vita dove ragazzi di 20/25 anni avevano imposti i voti di castità, povertà obbedienza – mentre il fratello maggiore ricco per cui loro teoricamente dovevano anche pregare passava la vita a banchettare, andare a caccia, vestirsi d’oro e farsi le amanti – e tutti sappiamo le porcherie dei conventi: masturbazione, sodomia, o prostituzione, il prete con l’amante era quello combinato meno peggio, il prete con la vocazione forse era 1 su venti. Leggere Le Rouge et le Noir. Non ce l’hanno fatta a riformarlo il sistema i Francesi, hanno dovuto ammazzarli, a Carola Rackete se potessi l’ammazzerei io e ai Giudici Patronaggio e Vella pure: non è più tempo di dire “ci fidiamo della magistratura” è una frase da idioti in Italia solo un idiota dal 1992 ad oggi può dire la frasetta “mi fido della magistratura” e i 5 Stelle sono dei cacasotto mascherati da rivoluzionari: David Ermini l’hanno messo loro al CSM.

Sta Carola Rackete va arrestata e condannata: non è vero che non ha commesso alcun reato, e non dite che dovrebbero arrestare me per istigazione alla violenza e sedizione, a quel punto mi dichiarerei prigioniera politica.

Non vedo che altro potrei fare.

Caro Cristiano Ronaldo, ecco perché non devi pagare la Signorina Mayorga.

MayorcaRonaldo
Cristiano Ronaldo con Kathryn Mayorga

Fonte Cristiano Ronaldo vorrebbe pagare e levarsela di torno, Kathryn Mayorga, la ragazza che lo ha accusato di uno stupro risalente al 2009, lui è ricco, molto ricco, pagare secondo lui gli conviene, ma questo non deve essere concesso: se è stupratore deve andare in carcere e se non è stupratore non deve andare in carcere e non deve nemmeno pagare niente. La tentazione del sesso non è mai stata l’unica, noi tutti sappiamo che esiste ed è forte la tentazione dei soldi; per una ragazza con un passato da modella, senza arte né parte 1 milione di euro o trecento mila dollari, ma a Ronaldo ne chiederebbe di più ormai cambierebbero la vita; se per Ronaldo sarebbe meglio pagare per il resto della società, brutto per quanto sia, è meglio il processo e il carcere se è colpevole, niente e tante scuse se è innocente, la società si corrompe troppo se si comincia ad estorcere denaro in cambio di non denunciare per violenza carnale, troppe ragazze – o magari anche ragazzi – potrebbero avere la tentazione di farlo, per i soldi. I soldi da queste denunce per stupro devono essere staccati, separati, si deve denunciare per la giustizia non per disoccupazione o avidità.

Negli Stati Uniti hanno fatto la buffonata dell’assicurazione sullo stupro come quella per furto e incendio, perché certe volte negli Stati Uniti fanno queste buffonate, ebbene le due studentesse americane che hanno denunciato i carabinieri a Firenze per stupro avevano l’assicurazione sullo stupro. Ma ti pare che se una persona non ha un centesimo allora può avere la tentazione di denunciare per prendersi trecentomila dollari o più o meno di assicurazione? Link L’assicurazione sullo stupro non deve esistere, questa questione è stata dibattuta ma alla fine ha prevalso la tesi della difesa della studentesse che l’assicurazione non era contro lo stupro ma per altri casi di violenza generica, ma in questo caso allora le studentesse non dovrebbero aver incassato i soldi, li hanno incassati o no questi soldi? Si deve denunciare per giustizia. Fermo restando che i due carabinieri di Firenze – o di stanza a Firenze non so di dove fossero – hanno sbagliato di grosso in ogni caso perché i carabinieri non devono mai avere rapporti sessuali durante le ore di lavoro, quindi, andavano espulsi dall’Arma e li hanno anche espulsi dall’Arma, ma questa storia dell’assicurazione sullo stupro come su furto e incendio della macchina deve sparire ed anche il patteggiamento per soldi deve sparire per legge, se no non la si finisce più: si deve fare il processo, se è stupro lui va arrestato, se non è stupro no, ma passaggi di denaro  non ce ne devono essere, perché alla fine se il concetto è “se paga non è uno stupratore, se non paga è uno stupratore” allora alla fine tu sei una prostituta, perché solo le prostitute se le pagano ci stanno, se non le pagano non ci stanno, cioè se Ronaldo ti ha stuprata ti ha stuprata, se non ti ha stuprata non ti ha stuprata, non è che se ti paga abbastanza allora non ti ha stuprata: questa sarebbe una marchetta.

Il processo si fa e che sia fatta giustizia. Ma senza passaggi di denaro. Se no sarebbe una marchetta pagata dopo.

Quanto alle studentesse americane, i soldi di questa assicurazione li hanno incassati o no? Se l’assicurazione non era sullo stupro come sostiene il loro avvocato ed è stato uno stupro allora di conseguenza i soldi dell’assicurazione non devono averli incassati. Se li hanno incassati l’assicurazione era sullo stupro e l’avvocato ha mentito.

Greco, vallo a dire a Berlusconi che a Milano non fate i processi politici per conto del PD…Ma fatemi il piacere.

FrancescoGreco
Francesco Greco

Pure questa: Il procuratore della Repubblica di Milano Francesco Greco, un pò cacasotto e senza che nemmeno i giornalisti del Giornale di Silvio Berlusconi glielo rinfaccino si spara una frasetta nientepocodimeno che da leghista della Prima ora, udite udite, il novello Bossi che cosa dice, in Calabria diremmo “che faccia da puttana” che al Nord, a Milano soprattutto quelle cose dei legami tra Magistratura e PD non ci sono – ? – che sono logiche da alberghi romani: Link  lo scandalo toghe rosse – di cui Milano è piena – egli dice «ci ha lasciato sconcertati, umiliati. Abbiamo capito che le logiche sono altre. Sono quelle di mondo che vive nel buio degli alberghi, nei corridoi e nelle retrovie della burocrazia romana e che non ci appartiene e non appartiene ai magistrati del Nord».

A parte che lui è del Nord quanto me: io sono di Reggio Calabria e lui è di Napoli, ma vallo a dire a Berlusconi che al Nord non fanno i processi pilotati dal PD e se non si incontrano in albergo si incontrano da qualche altra parte, i 256 processi che la Procura di Milano ha aperto contro Berlusconi non erano pilotati dal PD, vero? O come si chiamava allora PCI-PDS-DS E perché allora non c’era il Trojan e non c’erano ancora gli smart-phone e Steve Jobbs era ancora vivo e non consentiva alla CIA di accedere agli Apple perché si rifiutava di creare la backdoor che la CIA gli chiedete di creare, poi morì. Certo che erano pilotati dal PD che allora si chiamava PDS e che Berlusconi chiamava PCI-PDS-DS il “serpentone” come lo chiama Fusaro, oltre al fatto che Luca Lotti è della Toscana, ma non è il Nord, il Nord è Lombardia, Veneto e Piemonte e l’altro Cosimo Ferri pure Toscano, poverino solo Palamara è di Roma. Ma a quelli del Giornale basta che gli lecchino il culo un “attimino” come dicono a Milano si scordano tutto: la Procura di Milano è la più politicizzata, certo che Mani Pulite lo muoveva il PCI poi divenuto PD, ma basta una frasetta da Gianfranco Miglio per farvi stare zitti? E le Procure che hanno ordinato il sequestro per 49 milioni di euro alla Lega per un affronto economico fatto da Bossi personalmente per 400,000 euro di dov’erano? L’inchiesta contro Attilio Fontana chi l’ha fatta? Non era politicizzata, no? El il Ruby gatte, Ruby bis e lo “spavaldo” Ruby ter? Cos’erano? Il processo alle gatte, più vive che morte e poi, una, morta.

La Procura di Milano è la peggiore se parliamo di processi politici e collusione tra PD, massoneria e magistratura. E poi lui, Francesco Greco è di Napoli, come la Boccassini.

No, io non li ringrazio per Mani Pulite “i Giudici del Nord”. Hanno distrutto l’Italia ed ora fanno pure i leghisti del Nord, il Nord, il Nord. Il Nord, per quello…DeBenedetti era di Ivrea, Giudeo ma di Ivrea e ora è in Svizzera e l’Espresso era calabro-milanese – Scalfari è della Calabria, di Vibo Valentia mentre il defunto Gherardo Colombo è lombardo, Davigo pure lombardo e Borrelli di Napoli di nuovo.

Comunque, se con queste leccate di culo alla destra leghista crede di salvarsi da buon napoletano espatriato, sbaglia: la riforma della Magistratura e delle nomine al CSM si farà e varrà per tutti, io sono d’accordo con Nordio, Treviso e Bonafede, provincia di Trapani e la Giulia Bongiorno, Palermo: il CSM si sorteggia e basta tra tutti gli aventi i titoli adeguati. E non mi parlate della Procura di Milano, per favore, vallo a dire a Berlusconi. A Silvio. E anche a Fontana. Attilio. Che quella non è un procura dove i giudici sono in club coi politici del PD, in qualche modo si sono parlati, se non in albergo. Dove?