Category Archives: Medio Oriente

Buone Notizie dall’Arabia Saudita: le Donne potranno guidare e diventa filo-Putiniana.

ReArabiaSaudita
Salman bin Abdulaziz Al Saud Re dell’Arabia Saudita

Riporto il Link dal Giornale gli occhi della Guerra, il Re dell’Arabia Saudita Salman bin Abdulaziz Al Saud, dopo la bella notizia che finalmente le donne potranno guidare, va in vista ufficiale da Putin, a Mosca, per discutere di ISIS, Assad, Medio Oriente e stabilizzazione della regione, c’è da credere che gli Arabi di lusso sposteranno le loro alleanze da Israele alla Russia ed accetteranno il patto di stabilità per la Siria, cioè tenere Assad là dov’è, che è la soluzione ottima per noi, che non vediamo niente di buono nei cosiddetti terroristi moderati che insanguinano le frange della Siria, laddove l’unico posto dove si può vivere bene è proprio la zona controllata dal clan Assad, che piaccia o no, il resto è devastazione ed assenza totale dello Stato di Diritto anche solo come concetto. Bene, attendiamo che Putin faccia anche questa e… a proposito, si è unito al BDS?

Advertisements

Israele: c’è chi si ribella ai “Falchi” che attirano troppi nemici.

In breve, tanto metto il link, in Israele finalmente qualcuno si ribella ai cosiddetti falchi che, semplicemente, fanno aumentare il numero dei nemici di Israele senza motivo apparente.

Dopo i pazzi che dalla Terra Santa (occupata) supportavano il Black Lives Matter e il movimento per abbattere le statue dei pionieri “bianchi e fascisti” tramite internet contro la Destra americana “bianca e cristiana”  – i loro soli alleati e amici e gli unici che li difendono/difendevano all’ONU ndr. – ora la ministra della Giustizia, la ragazza Falco Shaked ce l’ha con Putin ed arriva a minacciarlo nientepocodimenoche di morte – può lei ammazzare Putin, chi lo sa? – Shaked: “O se ne va dalla Siria o non sopravviverà”! interviene a questo punto, nemmeno uno di sinistra, pacifista chessò, ma uno del Likud, il capo dell’associazione degli ebrei russi ad intimarle di calmarsi:

“Michael Lobovikow, presidente del Likud Russia e membro del movimento degli ebrei sovietici, lo ha messo ben in chiaro affermando: ‘Israele soffre di grandi perdite per causa delle attività del BDS (Boicotta Israele) e questo ci obbliga a mantenere relazioni con una potenza mondiale che gode di molta influenza nel mondo intero come la Russia’.

Si può dire che – per lo meno in parte – Israele è nata a suo tempo grazie all’appoggio della URSS di Stalin e che – se tutto procede come adesso – in futuro potrà sopravvivere soltanto con l’appoggio della Russia. Le dichiarazioni della ministra mordono quindi la mano che assicura la sopravvivenza – come l’assurdità che si mettano loro contro gli americani bianchi di destra ndr. -. Inoltre dimostrano come il Governo di Tel Aviv sia molto lontano da mantenere una politica accorta verso la Russia.”

La verità è che in Israele alcuni dei cosiddetti “falchi” sembrano voler fare la guerra a tutti goym contemporaneamente, inclusi quei quattro gatti che ancora gli erano rimasti per amici – senza essere pagati ndr. – Vedete voi.

I jihadisti punterebbero gli ebrei, così imparano a volere ius soli e immigrati.

IlGiornale
Il Giornale la deve finire di essere filo-israeliano

Se c’è una cosa che mi infastidisce del Giornale è quando fa finta di credere alle menzogne che raccontano ebrei e israeliani, è un israeliano che voleva leggi oltranziste contro la Destra – Fiano – sono israeliani i controllori del PD – DeBenedetti – che porta immigrati inutili al Paese se non dannosi, gli ebrei sono quasi tutti buttati a sinistra nel PD e prima di essere nel PD erano nel PCI, pure Mieli: se lo meriterebbero l’attentato vero contro il ghetto, ma secondo me è il loro meschino gioco delle parti: prima ti portano loro stessi i migranti e poi fanno le vittime e dicono a tutti “Anche qui è come Israele, vedete?”. Da gente che si è fatta l’olocausto – perché gliel’hanno fatto gli ebrei ricchi agli ebrei poveri e questo è documentato – che facciano un pò le vittime degli stessi immigrati che portano è il minimo. Io sono contro la lobby ebraica e contro Israele, e poi lo sanno tutti, fanno solo finta di credergli.

Gli Israeliani si prendono gli organi dei non ebrei senza il consenso, ma non espiantano agli Israeliani.

SimoneVeil
Simone Veil, tieniti gli ebrei nell’establishment e aspetta il karma – oppure meglio espellili.

Simone Veil firmò un accordo segreto per cedere organi di francesi a Israele

Ci sarebbe da non credere, se questa informazione non provenisse direttamente dalla Camera di Commercio France-Israel. Nell’elogio funebre della gran donna  pubblicato  da questa associazione sul suo sito,  si legge:

“Tel Aviv (Daniel Rouach).

“Ebrea di cuore e sostegno permanente a Israele e al sionismo,  Simone Veil è deceduta venerdì mattina all’età di 89 anni.  In Israele una grande tristezza tocca i franco-israeliani che l’hanno conosciuta.

“Pochissime persone lo sanno. Durante il suo passaggio al Ministero della Sanità, ella aveva firmato un accordo franco-israeliano per  la donazione di organi. In effetti Israele  mancava crudelmente di donatori. Questo accordo reale ma applicato con  grandissima discrezione ha permesso a numerosi israeliani di restare in vita.

“France3 – Regioni: “Più volte ministra sotto Giscard d’Estaing e Mitterrand, ha segnato la vita politica francese specie con la legge sulla Interruzione Volontaria di Gravidanza.  E’ stata anche la prima donna eletta al Parlamento europeo”. Qui sotto il testo originale, rivelatore di questo accordo  segreto fino ad oggi,  di cui non  si sa null’altro:

Gli ebrei non donano organi (solo il 4%,  rispetto al 30 per cento dei non-ebrei) per la superstiziosa convinzione che   alla resurrezione della carne,  potranno rinascere menomati.   Il servizio sanitario ebraico rifonde   i “viaggi all’estero” di suoi cittadini che  tornano con un rene nuovo, o altro organo, comprato  a qualche miserabile del Terzo Mondo (o a ucraini e romeni).  Molte testimonianze parlano di poveri palestinesi  uccisi dai soldati israeliani, i cui corpi sono   restituiti alle  famiglie   evidentemente laparatomizzati.

Fonte

Non è che ci sia molto da capire o sapere: Simone Veil era ebrea cittadina francese ed ha usato il posto al Ministero della Salute francese per dare sottobanco organi di donatori non ebrei agli Israeliani che non donano. Questa è la setta che vuole punirti per l’eventuale – chi fuma – accendino di Mussolini, ve lo dico così: fanno schifo. HH – Heil Hitler – no, non vi preoccupate, non sono per la supremazia dei biondi, ma si deve dire che Hitler e Mussolini a questi qua un pò li avevano inquadrati. Fanno così per davvero.

E non è tutto,

Leggete questo reportage di Alison Weir:

La scorsa settimana il principale quotidiano svedese ha pubblicato un articolo contenente del materiale sconvolgente: testimonianze e prove indiziarie che indicano che gli israeliani potrebbero aver prelevato gli organi di prigionieri palestinesi senza consenso per molti anni.
Peggio ancora, alcune delle informazioni riportate in questo articolo suggeriscono che in alcuni casi i palestinesi potrebbero essere stati catturali proprio con questo macabro scopo.
Nell’articolo “Si rubano gli organi dei nostri figli”, il combattivo giornalista Donald Boström scrive che i palestinesi “nutrono forti sospetti nei confronti di Israele per il sequestro di giovani da usare come riserva di organi del paese – accusa estremamente grave, con sufficienti punti interrogativi da giustificare l’apertura da parte del Tribunale Penale Internazionale di un’inchiesta su possibili crimini di guerra”.

Un esercito di funzionari israeliani e di apologeti è subito sceso in campo, accusando di “antisemitismo” Boström e la redazione del quotidiano. Il ministro degli esteri israeliano si è definito “inorridito” e ha definito l’articolo “un esempio infamante di accusa del sangue”. Un alto funzionario israeliano l’ha chiamato “pornografia dell’odio”.

Il primo trapianto cardiaco israeliano
Il primissimo, storico trapianto di cuore eseguito in Israele usò un cuore prelevato da un paziente vivo senza il consenso e senza avere consultato la sua famiglia.

Nel dicembre del 1968 un uomo di nome Avraham Sadegat (secondo il New York Times A Savgat) [2] morì due giorni dopo un ictus, benché ai suoi familiari fosse stato detto che “stava bene”.

Dopo avere inizialmente rifiutato la restituzione del corpo, l’ospedale israeliano dove era stato ricoverato si decise finalmente a restituirlo ai familiari. Questi scoprirono che la parte superiore del corpo era bendata; cosa strana, pensarono, per una persona morta d’ictus.

Quando tolsero le bende scoprirono che la cassa toracica era stata riempita di garza, e che mancava il cuore.

In quel periodo era stato effettuato il trapianto di cuore finito sulle prime pagine. Dopo lo shock iniziale, la moglie e il fratello del defunto collegarono i due fatti e pretesero delle risposte.

L’ospedale sulle prime negò che il cuore di Sadegat fosse stato usato nel celebre trapianto, ma la famiglia sollevò uno scalpore mediatico e fece appello a tre ministri del governo. Settimane dopo, e non prima che la famiglia ebbe firmato un documento impegnandosi a non fare causa, l’ospedale ammise che era stato usato proprio il cuore di Sadagat.

L’ospedale spiegò di avere agito in conformità con la legge israeliana, che permetteva l’espianto degli organi senza il consenso dei familiari. [3] (La Convenzione delle Nazioni Unite contro il Crimine Organizzato Internazionale include l’estrazione di organi nella sua definizione di sfruttamento umano.)

I sospetti riguardo al fatto che l’espianto del cuore di Sadagat potesse essere stato la vera causa della morte rimasero senza risposta.La testimonianza del Direttore della medicina forense
Un articolo di Mary Barrett pubblicato nel 1990 sul Washington Report on Middle East Affairs e intitolato “Autopsies and Executions” (“Autopsie ed esecuzioni”) riferisce della grottesca uccisione di giovani palestinesi. Riporta anche un’intervista con il Dottor Abu Ghazaleh, ex direttore della sanità per la Cisgiordania sotto l’amministrazione giordana e direttore del reparto di medicina forense. Barrett gli chiede della “diffusa ansia per i furti d’organi che tormenta Gaza e la Cisgiordania dall’inizio dell’intifada nel dicembre 1987”

Continua a leggere qui link dove ci sono le foto dei donatori forzati palestinesi ricuciti.

Allora, gli ebrei fanno setta, vogliono per se più cose di quante ne riconoscano agli altri, per favore distruggete la lobby ebraica e Israele. E finitela con le leggi sul negazionismo, ddl Fiano etc.: sono orrendi, la cultura ebraico-israeliana fa schifo.

Il Mondo Sionista è in Guerra con l’Islam, Noi NO.

A conferma di quanto esposto sopra nel video devo aggiungere di stare attenti alla destra troppo “islamofoba” che finge di bersi tutte le scemenze sul Califfo e sull’ISIS messe in circolazione dal Site di Rita Katz e riportate dai media massonici: stanno al gioco e sto parlando di Farage e Tommy Robinson, a volte perfino Alex Jones che però ha denunciato un paio di false flag di ebrei liberal che facevano cose antisemite per cercare di dar la colpa ai supporter di Trump ed è quello che fa parlare Steve Pieczienik – ebreo statunitense non israeliano che ha denunciato pubblicamente gli israeliani con doppia nazionalità per aver fatto e coperto l’attentato alle Torri gemelle, l’11 settemebre -.

Ebbene, quel Nick Griffin che è stato il fondatore, ora espulso del BNP ha dichiarato che gli era stato proposto di attaccare solo l’Islam “per salvare l’Occidente” ma di non nominare mai i componenti sionisti e massoni dell’organizzazione per portare immigrazione di massa dall’Africa e dall’Asia in Europa, che sono di fatto quelli che prendono musulmani quasi di peso, li trasferiscono in Occidente e poi da dentro le istituzioni politiche e particolarmente giudiziarie ne bloccano i rimpatri, gli fu proposto di fare solo l’islamofobo e in cambio avrebbe avuto qualche passaggio televisivo in cui comunque lo avrebbero insultato – come Marine LePen, come Farage o i tedeschi dell’AfD – lui disse no e fu fatto sparire, Farage disse di si e l’UKIP ha un “attimo” in più di visibilità mediatica.

Anche AfD in Germania è accusata di essere i “nazisti” ma intanto ai veri neo-nazisti che ovviamente sono contro Israele quelli della NPD non li intervistano per niente, è tutto un gioco delle parti da rifiutare, noi non dobbiamo fare nessuna guerra con l’Islam per conto di Israele e la Massoneria e la componente ebraico-israeliana va denunciata e combattuta senza mezzi termini per liberare l’Italia. Lo ripeto con un certo sgomento perché è di domenica: il Vaticano va combattuto altresì perché è dalla parte loro. Vasco Rossi direbbe “siamo soli” forse è vero ma direbbe anche “ma va bene così”.

Perché noi cristiani dobbiamo stare con Putin e Assad che sono cristiani come noi e non con Netanyahu, Kushner, Ivanka / Yael che non sono nel nostro gruppo.

AssadWife
Il Signore e la Signora Assad

Perché queste persone – nella foto – dovrebbero essere i miei nemici e i wahabiti miei amici? La signora Assad è una simpatica signora, e l’unica moglie, sono cristiani, le mogli dei wahabiti amici di Theresa May vivono sotto il burqa e non parlano con gli occidentali perché pensano che siamo corrotti, dammi una pausa, non li voglio come amici. Gli Assad sono quelli normali.

Perché noi cristiani dobbiamo stare con Putin e Assad che sono cristiani come noi e non con Netanyahu, Kushner, Ivanka / Yael. Gli ebrei si sono separati dagli altri e non sono nel nostro stesso gruppo.
Netanyahu sta cercando di rimuovere Assad e di non esporre se stesso e il suo popolo, ma l’idea che sia nell’interesse dei cristiani americani per rimuovere Assad è ridicola, Assad è fondamentalmente un bianco cristiano che protegge cristiani, musulmani liberali, atei e non credenti e anche musulmani più tradizionali mantenendo sempre i jihadisti sotto controllo. Assad è quello con cui ci si può stringere la mano e parlare normalmente, perché dovremmo rimuovere Assad e dare la Siria

a) al caos.

b) ai jihadisti – che i Britannici ridicolmente chiamano “ribelli moderati”.

c) ai musulmani sezione burqa & barba.

Sono Israele e i Sauditi che desiderano rimuovere Assad e né Theresa May né Ivanka Trump mi possono convincere che i loro amici sauditi o israeliani che disprezzano apertamente i cristiani, Theresa May inclusa se lei lo è, sono meglio di Mr. e Mrs. Assad.

Putin è anche un uomo moderno con cui noi occidentali vogliamo essere amici. Il vero punto è la lobby sionista negli Stati Uniti che vuole rimuovere Assad, Ivanka se lei vuole davvero rovesciare il regime moderno e laico di Assad merita davvero di essere chiamata Yael Kushner al posto del bello e ancora cristiano “Ivanka Marie”. Hanno cambiato religione e ancora mantengono  delle apparenze che tradiscono gli astanti, si Yael tu hai cambiato religione e sei pro Israele noi no.

A causa della posizione geopolitica di Israele e delle azioni dei sionisti americani è evidente che vogliono rimuovere Assad per Israele. Israele ha un interesse in questo e Netanyahu è in contatto con Kushner. Trump aveva promesso di fermare la politica di cambiamento di regime in Medio Oriente. Israele è l’unico paese in realtà in contrasto con la Siria. Non sopporto gli israeliani quando si nascondono dietro gli altri e l’attacco al gas sarin è falso – inoltre gli americani non si preoccupano delle atrocità fatte dai propri alleati nel resto del mondo, ciò che dimostra che si tratta solo di una scusa -, veri medici hanno detto che non si può davvero toccare i corpi delle vittime di sarin a mani nude e senza maschere perche’ si rimarrebbe infetti e qualsiasi medico lo sa. Per quanto riguarda l’interesse per l’occulto, non solo Kushner ha voluto comprare quella proprietà al numero civico 666 sulla 5th Avenue e lui non riusciva nemmeno a ri-finanziarla, ma all’interno di quel palazzo ci sono gli uffici della ditta che produce il chip RFID con il quale dicono che ci vogliono chippare e tracciare tutti e questo è puro NWO e Kushner è probabilmente nel mezzo di questa cosa.

Celebrano feste ebraiche alla Casa Bianca, anche se gli ebrei sono un minimo della popolazione

Assad è cristiano, stiamo dalla parte di Assad, come Lana, Henrik e Angelo dicono nel video di RedIce Tv, Assad è l’unico che difende i cristiani in Medio Oriente, in realtà ci sta venendo chiesto dagli ebrei di fare la guerra contro gli altri cristiani e di essere alleati con l’Arabia Saudita. Dobbiamo dire no. Dobbiamo difendere gli altri cristiani, io sono stanco e stufa di vedere cristiani e musulmani liberali – che sono amichevoli con i cristiani – macellati in Medio Oriente e vedere Israele, la Gran Bretagna e gli Stati Uniti amici con l’Arabia Saudita e nemici con gente del calibro di Assad e Gheddafi che sono veramente difensori sia dei cristiani che dei musulmani moderati e di quello che una volta si diceva “la laicità dello Stato”, di cui Theresa May o anche Macron evidentemente se ne fottono per fare affari con i sauditi e rimuovere i nemici veri o presunti di Israele. Dobbiamo dire no e stare con Assad e Putin, difendere i cristiani e anche i musulmani liberali che sono amici dei cristiani; Britannici, Americani e Israeliani sono alleati con il diavolo e parlano di diritti umani, tutto questo deve cambiare. Il Principe Carlo aveva invitato religiosi siriani cristiani nel Regno Unito per una conferenza e non gli hanno dato il visto mentre a tutti i jihadisti e tagliatori di gola e wahabiti che frustano le donne gliel’hanno dato, se a loro pare che questo sia ancora solo lontanamente accettabile …Ho fiducia nel Regno Unito perché è ancora un paese cristiano e metteranno Boris Johnson e Theresa May sulla strada giusta.
In questo contesto, politicamente è ovvio dobbiamo sostenere sia Berlusconi che Salvini e Giorgia Meloni proprio perché sono pro buon rapporto con Putin e pro stabilità in Medio Oriente lasciando lì Assad e tutti quelli che difendono la laicità e il Cristianesimo.
Per quanto riguarda gli ebrei, loro sanno di essere separatisti e questo non credo che dipenda più da me.