Category Archives: Sanità

Covid-19: Lockdown & medicine Funzionano, in Calabria ieri solo 8 contagiati e 4 decessi.

Coraggio. Almeno ora sappiamo che

  1. Il Lockdown funziona.
  2. Le medicine funzionano.

Purtroppo non lo sappiamo dalla Lombardia che comunque è molto popolosa ed ha preso l’infezione prima, però lo sappiamo dalla Calabria, essendo la mia Regione io controllo i dati, perché come la maggioranza degli italiani, io controllo prima i morti nazionali, poi quelli della Lombardia – purtroppo, essendo la zona dove c’è il dramma – e poi la zona dove abito io, nella fattispecie la Calabria, allora Sole/Jole Santelli è stata molto chiara e continua a mandare messaggi ai cittadini: state a casa, non tornate, non vi muovete, non partite,

PPP_COVI19_200309-newj

perché è terrorizzata all’idea di vedere qui al Sud la situazione che c’è al Nord, però i nostri dati sono chiari, guardate qui fonte:

Insomma ci sono stati 45 morti fino all’altro ieri e ieri “solo” 4 in più, per un totale di 49 decessi, ed anche il numero dei nuovi contagiati è basso, “solo” 8 nuovi contagiati in più rispetto al giorno prima.

Riconosco che la Calabria ha fatto partire il Lockdown praticamente qualche giorno dopo la Lombardia, se non contemporaneamente, ed in Lombardia la situazione di contagio era già partita ed avviata, però queste nuove medicine, sia il Tocilizumab per i casi gravi, che il nuovo farmaco sperimentale il Ruxolitinib – non so se sia quello a base di un antimalarico ed un antibiotico o un altro – per curare la gente a casa e prevenire la crisi respiratoria che necessita poi del ricovero in ospedale stanno funzionando benissimo link Covid-19 Svolta: trovato Farmaco che negativizza i positivi al tampone. Tocilizumab funziona sugli intubati.

La Calabria, grazie a Sole/Jole Santelli è stata la prima Regione in Italia a chiedere la sperimentazione su larga scala di detto Ruxolitinib link.

Quindi, con questo trend in calo, se non arrivano nuovi contagiati dal Nord, in Calabria si dovrebbe chiudere la partita contro il Coronavirus in poco tempo.

Covid-19 Svolta: trovato Farmaco che negativizza i positivi al tampone. Tocilizumab funziona sugli intubati.

Bene: due buone notizie che forse tra due giorni potremo definire ottime;

A Cosenza hanno sviluppato un farmaco che negativizza i positivi al tampone, i positivi con sintomi lievi e, credo, anche gli a-sintomatici – come il Principe Carlo e il Principe Alberto di Monaco – secondo il medico che ha condotto la sperimentazione su un numero ristretto di persone, 25, risultate positive al Covid-19 ma senza ancora essere andati in crisi respiratoria, dopo la somministrazione del farmaco sono tutti guariti: risultati negativi al tampone;

A guidare la sperimentazione sono il Dott. Carlo Torti ed il Dott. Aldo Quattrone:

Fonte Catanzaro – L’Unità Operativa di Malattie Infettive e Tropicali del Policlinico “Mater Domini” e la Cattedra di malattie Infettive dell’Università “Magna Graecia” di Catanzaro, dirette dal professor Carlo Torti, con la consulenza scientifica del professor Aldo Quattrone,

Quattrone
Prof. Aldo Quattrone

hanno steso un protocollo per il trattamento al domicilio di pazienti sintomatici con l’infezione del nuovo Coronavirus. Il trattamento, spiegano “sarà fondato su recentissime evidenze scientifiche ottenute, però, in un piccolo campione di pazienti con l’uso di idrossiclorochina e azitromicina. ….

Fonte attraverso uno studio effettuato su 25 pazienti “con la somministrazione della combinazione di due farmaci (un antibiotico e un antimalarico) per cinque giorni, al sesto giorno rifatto il test con il tampone i pazienti si sono negativizzati”.

La Santelli salta di gioia – non solo per la tarantella a piedi nudi (sic) come aveva fatto dopo aver vinto le elezioni – ed ha appena chiuso per conto della Regione Calabria un accordo con un laboratorio francese e da domani – oggi ndr. – parte la sperimentazione di un nuovo farmaco nelle strutture calabresi.

Mentre per i malati gravi, già intubati c’è l’altra buona notizia: la sperimentazione col Tocilizumab funziona, i due pazienti bergamaschi trattati con Tocilizumab a Foggia sono guariti, anche a Napoli il prof. Ascierto, tra i primi a volere l’uso del Tocilizumab contro il CoronaVirus ha detto che in Campania si estubano sempre più malati, infatti in tutta Italia il numero dei guariti sale.

Se saranno confermati i dati sull’uso dell’idrossiclorochina combinata con l’azitromicina, ciò significherebbe prevenire le crisi respiratorie e di fatto uccidere il Covid-19 già nella prima fase. Quest’estate tutti a mare?

P.S.

Aggiornamento: c’è una buona notizia extra ed è che i due farmaci sopra menzionati: idrossiclorochina e azitromicina sono anche … in realtà economici, pardon, non costosi, costano solo 6 euro per confezione.

Coronavirus-News: cosa non fare in Calabria, cosa non fare in Francia e il quasi inspiegabile dramma di Bergamo.

Aggiorniamo i lettori, primo: che cosa NON fare

Calabria: la struttura è bella, pulita e i medici dichiarano “abbiamo tutto” mascherine & co. però i guardinghi spettatori hanno notato che ce le avranno anche le mascherine, ma non se le mettono e la Santelli stessa, una delle poche persone in video ad avercela, la usa male: non si copre il naso, nonché non indossano i guanti, però devo dire che in Calabria per ora ci sono stati solo 10 morti e la gente forse non percepisce il pericolo reale, tutti sono convinti “io sicuramente non ce l’ho” speriamo che i morti rimangano dieci, ci fa piacere che ci sia il reparto di terapia intensiva per fortuna ancora vuoto.

Seconda cosa da NON fare:

Francia: in pieno drama Covid-19 dei francesi si accalcano per letteralmente accaparrarsi gli ultimi barattoli di Nutella, forse scontati, non lo so. Non farlo più.

Il vero dramma però è a Bergamo, né in Calabria né in Francia, ed è un dramma quasi inspiegabile, ecco le cifre, la stampa locale è molto ma molto preoccupata:

ShockBergamo

Questo è l’andamento dei decessi nella città – con o senza provincia? – di Bergamo, i morti da covid-19 sono 4 volte sopra la media nazionale fonte l’Eco di Bergamo, secondo i locali dati ufficiali, i dati nazionali devono essere una sottostima e i sindaci vogliono un’indagine, comune per comune:

a-bergamo-decessi-4-volte-oltre-la-medialeco-lancia-unindagine-nei-comuni_89b2a20a-6f39-11ea-a601-f72ed7ae6c52_998_397_original

A Bergamo decessi 4 volte oltre la media
L’Eco lancia un’indagine nei Comuni

 

I dati dei decessi ufficiali per «Covid-19» fotografano solo una piccola parte dei casi reali nella provincia di Bergamo. L’Eco l’ha raccontato più volte intervistando i sindaci. Ora parte una raccolta dati per avere un’analisi più approfondita.

I sindaci bergamaschi l’hanno raccontato a L’Eco più volte: «I morti nei nostri Comuni sono molti di più rispetto ai casi ufficiali». Per fare luce sull’impatto reale del coronavirus in Bergamasca, la provincia più colpita d’Italia, abbiamo deciso di analizzare a fondo i dati di ogni singolo Comune. L’Eco di Bergamo e InTwig, agenzia di ricerca e analisi dati, hanno deciso di lanciare un’indagine approfondita nei 243 Comuni bergamaschi. Ad ogni singola amministrazione chiederemo le informazioni sui decessi dei residenti avvenuti nei primi tre mesi del 2020 per confrontare la mortalità rispetto agli anni precedenti. In assenza di un monitoraggio capillare sui contagiati, il dato dei decessi è infatti (e purtroppo) l’unico metro reale su cui può essere fatta un’analisi. (…)

La stampa nazionale cerca di tranquillizzare i lettori e gli spettatori mettendo in luce che rispetto ai morti di avant’ieri i morti di ieri sono di meno, ma la stampa locale non ci sta, dicono che ci sono delle sotto-stime.

I veri dati rincuoranti vengono invece dalla Cina, dove l’epidemia pare stia scomparendo, quindi le cure e l’ auto-isolamento, il lockdown etc. alla lunga funzionano:

CoronavirusCina

Quindi in tutta la Cina ci sono 0 contagi interni ma 67 di importazione, nella giornata di ieri in tutta la Cina “solo” 6 decessi da Coronavirus, insomma la tragedia sta drenando fino a scomparire, certo rispettiamo il dolore dei parenti dei 6 morti, però i numeri avevano cominciato ad essere una tragedia, se Dio vuole, il CoronaVirus, rispettando lockdown e tutto, va via nel giro di tre mesi, insomma solo 6 morti a Bergamo o solo 6 morti di Covid-19 in tutt’Italia si metterebbe la firma e poi basta. Fonte

P.S.

Non per ulteriormente la polemica, ma Striscia potrebbe cominciare a focalizzarsi sulla tragedia bergamasca, invece di dire “eroi eroi” perché qualcosa di grave non ha funzionato a livello di sanità lombarda. Quanto alla Calabria e alla Francia e al resto del mondo dove i numeri sono ancora molto bassi, certo: “teniamo le distanze”.

 

Barbara Palombelli attira il boicottaggio dei prodotti sponsor di Mediaset per la diatriba Covid-19 – Meridionali.

La Palombelli è stupida e noiosa, una delle poche donne che anche se sono molto arrabbiata non chiamo mai “puttana” perché la vedi: è talmente brutta, asessuata e noiosa che tu dici “no, per essere puttana doveva essere più bella, questa non la vuole manco suo marito”. Ebbene si diletta in assalto ai meridionali, ultimamente frequente a Mediaset, nonostante il Coronavirus sia un caso-Nord Italia, particolarmente uno strano caso Lombardia; lei, di Roma non di Milano, sproloquia comunque, nonostante l’assurdità geografica del caso Nord Italia, in cui ci sono tipo, in Lombardia 3400 morti, su in Austria e Germania addirittura, beati loro, non più 60 e poi giù nel Lazio si ridiscende a numeri bassi 50/60 o giù di lì; oggi ci sono stai altri 630 decessi, più della metà 360, in Lombardia. Scusatemi:

Germania: 44 decessi;

Lombardia: 3000 decessi;

Lazio 55 decessi;

Il caso Lombardia c’è

E’ inutile negarlo: è successo qualcosa a livello locale che non è successo né Germania né  nel Lazio.

Le ipotesi sono state le più varie:

Ipotesi 1: se la sono presa al foro boario tra Brescia e Bergamo dagli animali, sic.

Ipotesi 2: in Lombardia c’è un ceppo mutato, più resistente, di coronavirus; ma non è vero perché i malati del Sud sono casi scesi dal Nord;

Ipotesi 3: c’è stata una mega infezione alla partita Atalanta-Valencia;

Ipotesi 4: i vaccini contro la meningite e l’influenza hanno indebolito drasticamente le difese immunitarie dei vaccinati, perlopiù anziani, ma non solo anziani.

Ipotesi 5: la razza padana esiste, ma è debole, i meridionali a sud di loro e i tedeschi a nord di loro siamo più forti contro le malattie, loro muoiono subito per un colpo di tosse.

Ipotesi 6: sono sporcaccioni e non si lavano le mani.

Ma la Palombelli no, dal basso di Mediaset insiste: i settentrionali si sono infettati di più di coronavirus, ma molto di più, “perché vanno di più a lavorare” ohh e allora in Germania? Idiota, e stai zitta cretina. E siccome Mediaset è una televisioncina locale lombarda che si spaccia per nazionale, ma ha invece una prospettiva di parte e territoriale, come Berlusconi che ha fondato la Lega Nord per l’Indipendenza della Padania e l’ha affidata al “terrone del Nord” Bossi, quello volgare, quello che parla in dialetto, non ha soldi e si ubriaca in taverna, e poi, il Berlusca, si è nascosto, come si dice – ha lanciato la pietra e ha nascosto la mano – si è nascosto dietro Forza Italia, il partito nazionale, ecco, con Mediaset ha fatto uguale.

Ieri ho visto a Striscia la Notizia un Servizio su uno che gettava mozziconi di sigaretta per terra a Lecce o comunque in Puglia, ohhhh…..che maleducato! Io nel 1999 ho visto gente bucarsi di eroina sulla strada per salire al castello a Brescia e Striscia non c’è mai stata là a vedere che facevano, e ho letto, che nel ’99 era oro, che ora è peggio, che c’è gente che vomita sotto i portici oltre al traffico e l’uso di droga e prostituzione consueto per strada, lasciamo perdere – anzi no – perché là gli inviati di Striscia non ci vanno? O a Bologna, si è detto ed hanno anche fatto vedere le foto sui giornali: gli studenti universitari pisciavano davanti alle porte di casa dei “borghesi” e nessuno poteva fare niente perché gli studenti universitari a Bologna erano le vacche sacre della sinistra o quello che c’era davanti alla stazione centrale di Milano. Forse ora se ne sono andati per il Coronavirus, chi lo sa? Per non parlare del fatto che il loro capo, Silvio Berlusconi è scappato dalla zona rossa da cui era vietato uscire esattamente come i Meridionali del treno e non lo hanno criticato “i vigliacchi”.

NoPalombelli

Fonte Massì boicottiamo Mediaset, mi da fastidio, da fastidio anche a me. I numeri del Covid-19 in Lombardia e nelle regioni circonvicine devono avere una spiegazione, si parla di una mortalità addirittura del 12% laddove in Cina era del 3,8% e in Germania della 0,3% in Italia in generale del 9%, perché non rispettano il lockdown e per qualche altro motivo a monte.

MortalitàCoVid-19

dire “ci infettiamo di più perché lavoriamo di più” è un grossolano molto grossolano alibi, vi siete infettati di più per qualche motivo che non abbiamo capito.

A qualcuno l’amicizia Brescia/Bergamo non è piaciuta:

StrisiconeBresciabergamoStrappato

Bravi, neanche a me piace: non li posso vedere i tifosi di ‘ste due squadre, ‘sti grandissimi tamarri per due volte ogni dieci anni che entrano in A fanno casino come se fossero i migliori: sono la Serie B nella Serie A e si vede.

Dati a Milano preoccupanti, foto dal Corriere della Sera:

MIlanoInfetta

Non vorrei dover ringraziare il Coronavirus quando chiuderanno anche gli studi Mediaset oltre alle curve del Brescia e dell’Atalanta e la Palombelli finalmente starà zitta.

Covid-19: o il Lockdown funziona, o c’è l’ipotesi nazista o alla fine della pandemia il SudItalia sarà più ricco del Nord.

O lince o lupo o ceppo di castagno; è un modo di dire della Calabria particolarmente delle zone montuose Sila & Co. Vi sembrerà strano ma in Sila c’è la nebbia e in Inverno si può arrivare anche a meno 20 gradi  è montagna – ebbene, quando c’è una forma, spettrale, in lontananza, e con al nebbia non si capisce cos’è vale il detto: o è una lince o è un lupo o è un ceppo di castagno.

Stesso dicasi per il coronavirus – coronavairus che dir si voglia – : O funziona il lockdown totale, ma deve funzionare in massimo tre mesi, o si riapre tutto e chi muore muore, ipotesi nazista, perché tenere la Lombardia chiusa per, chessò? 6 mesi? 1 anno? si rischia che alla fine della pandemia il SudItalia sia più ricco del Nord.

Intanto in Lombardia le cose non stanno andando bene, si continua a morire, ma c’è un caos ed un caso, il “caso Lombardia” tanto da far sospettare ad alcuni che il ceppo di covid-19 lombardo sia diverso da quello degli altri paesi, da quello cinese e da quello tedesco: in Italia sta morendo, ho controllato, l’8,5% dei malati di Covid-19 mentre in Germania muore solo lo 0,2% degli affetti della stessa malattia, non solo, leggo da ADN Kronos, che ci sono più guariti, ma ci sono anche più morti, oggi, entro le 17:00 c’erano già, solo in Lombardia altre 546 persone morte, bene i guariti ma si continua a morire, e i guariti comunque non possono tornare a lavorare, devono starsene in isolamento pure loro come noi; il caos Lombardia è da studiare: in tutto il mondo ci sono ad oggi 11.200 morti; in Lombardia, non in Italia, solo in Lombardia ad oggi i morti sono 3.095

Da ADN Kronos 21 Marzo ore 14:11 dato mondiale, ore 17:00 dato Lombardo:

Se la matematica non è un opinione e 11.200 diviso 3095 fa 3,6 anche arrotondando questo significa che solo in Lombardia, senza Veneto ed Emilia Romagna & Co. ci sono tra un quarto ed un terzo dei morti di Coronavirus di tutto il mondo. Che è un dato assurdo, da studiare ed è inutile cercar di coprire le colpe della lobby vaccinista, se Blondet e i No-Vax avevano ragione, che questi dati assurdi siano dovuti al fatto che in Lombardia gli anziani ed anche molti giovani siano stati vaccinati con vaccini he indebolivano le difese immunitarie credo che qualcuno debba andare in carcere, e sono i medici che hanno spinto la vaccinazione di massa.

Quanto all’Italia ad oggi 4852 morti di Covid-19 ciò che significa, non solo più della Cina, ma quasi la metà dei morti in tutto il mondo, tra la metà e un terzo; e non è il Lazio, nel Lazio oggi sono morte di Covid-19 “solo” 7 persone in Lombardia 546 – ??? –

Cioè in Lombardia si muore di Covid 78 volte di più del Lazio. Perché?

Secondo me sono i vaccini e non lo dicono per “salvare il culo” ai medici vaccinisti ed alla lobby delle case farmaceutiche perché è assurda questa differenza tra Lombardia e Lazio, il Lazio è molto popoloso e c’è Roma ed è pieno di Cinesi e c’è l’Aeroporto Intercontinentale di Fiumicino. Io sono colpevolista nei confronti della lobby dei vaccini, sarebbe interessante sapere se il morto di covid-19 tipo sia stato vaccinato.

La gente che rideva e s’indignava dell’ “ipotesi Johnson” di aspettare l’immunità di gregge perché se si chiude il Paese per troppo tempo l’economia crolla, ora comincia a pensare che per quanto sembri selezione naturale “l’ipotesi nazista” chi vive vive chi muore muore, dopo il tentativo, ma almeno fatto bene, fatto “duro”, del lockdown totale…quanto si può aspettare veramente?

Boom di morti in Lombardia può essere dovuto alle vaccinazioni di massa e a tappeto decise dalla sanità Regionale.

Lo dice Maurizio Blondet che è del Nord circa la situazione a Bergamo e Brescia:

tp-graphic-coronavirus-deaths-chart-china-v-italy-new
L’ Italia supera la Cina nel numero dei morti e nella velocità del contagio

Fonte  Resta il numero incredibilmente alto dei colpiti – dal Coronavirus – nella Bergamasca, e  della particolare gravità con cui si presenta qui. Ora, persino lettori non particolarmente complottisti si domandano se esso non sia da mettere in relazione con la  impetuosa campagna di vaccinazioni che la giunta comunale, e la Regione, hanno applicato  “a tappeto”  (parole loro)  agli anziani  di Bergamo e  Brescia  poche settimane prima dell’esplodere dell’epidemia.

Due  sono state le campagne: una  prima  per stroncare un focolaio di meningite, oggettivamente preoccupante. (…)

Potete leggere il resto dell’articolo linkato in fonte; effettivamente il Coronavirus a Brescia e Bergamo e in Lombardia in generale sta colpendo di più, ma molto di più che nel resto d’Italia e d’Europa, ed ora perfino di più che in Cina, il primo focolaio, io avevo pensato fosse per “Malpensa” l’aeroporto internazionale che prende i voli dall’Asia e quindi dalla Cina e che al Sud non c’è, poi i Cinesi vanno perlopiù a Milano e a Roma non tanto magari in Sardegna o a Reggio Calabria, ma…allo Spallanzani di Roma due cinesi erano stati guariti ed a Bergamo e provincia ci sono molti più morti che a Milano e provincia, e a Milano ci sono più cinesi, ebbene Bergamo e Brescia sono le provincie più vaccinate d’Italia.

A me non piace molto tutta questa territorialità, sanità regionale etc. ogni politico fa il medico, i politici vax fanno i vaccini e i politici no vax li vietano come se fossero i politici a capire se uno ha o non ha bisogno di un vaccino, o se potessero veramente capire la gravità degli effetti collaterali, le case farmaceutiche se producono un vaccino vogliono venderlo perché fanno molti soldi e puntano i politici: i vari ministri e assessori alla sanità pubblica, statale ed ora pure regionale per farsi fare la legge pro-vax. Ora che i morti in Italia sono superiori a quelli della Cina e che la Regione e Palazzo Chigi litigano sulle chiusure domenicali e nei week-end dei supermercati – io sono a favore della chiusura per sicurezza ed ero e sono a favore delle chiusure domenicali in ogni caso pure in tempi normali per religione –

26200014-8134087-image-a-1_1584697551262

Fonte: Coronavirus, oltre 9.800 morti nel mondo: quasi la metà in Europa – sic cercano di nascondere il caos Italia –

Coronavirus, oltre 9.800 morti nel mondo: quasi la metà in Europa

Sono 242.488 i casi e 9.885 le morti di Covid-19 nel mondo secondo i dati aggiornati del Centro europeo per il controllo delle malattie (Ecdc), che per l’Europa e Gb dà conto di 102.649 casi e 4.885 morti.

E’ inutile truccare le notizie per non far perdere la faccia al “Nord” perché se in Europa e GB ci sono 4885 morti, ben 3405 sono solo in Italia mentre vien fuori che in Germania su 16,000 infetti ci sono solo 44 morti, e non solo, in Italia l’incidenza di morti è il doppio che in Cina, cito a memoria perché non riesco a ritrovare gli articoli dove ho letto questi dati, chi può controlli, in Cina mi sembra morisse il 4% dei malati in Italia l’8% in Germania molti meno, quanti vaccini obbligatori fanno gli anziani in Germania? Tanto per sapere.

Anche il Sindaco di Reggio Calabria ha firmato l’ordinanza per la chiusura obbligatoria dei supermercati la domenica, credo che a Giuseppe Conte non importi niente.

Covid-19 in Calabria solo 2 morti, la gente non esce, o viene bloccata, e i farmacisti si proteggono col plexiglas.

Il simbolo del lockdown in tutta la Calabria è probabilmente la gelateria Cesare di Reggio perché è letteralmente “un chiosco in mezzo ai piedi” nell’angolo più trafficato della città, vicino alla stazione Lido, sul Lungomare all’angolo dell’incrocio per salire sul Corso Garibaldi dove ci sono i negozi chic e si fanno le passeggiate: se avesse tenuto aperto lo avrebbero arrestato per contaminazione aggravata, ebbene il titolare sta a casa come tutti gli altri e fa video su come fare i gelati fatti in casa – fino a tempi migliori -:

Fonte: “Coronavirus a Reggio Calabria, Falcomatà rimprovera i ragazzi: ‘state troppo in giro, giocate alla play station, organizzate tornei online ma state a casa” “tutti stiamo rinunciando a qualcosa, io non vedo mia madre da 15 giorni. Questi sacrifici sono fondamentali per la nostra salute. Faccio un appello ai reggini affinchè non escano di casa se non per un valido motivo’ “

falcomatà
Giuseppe Falcomatà Sindaco di Reggio Calabria
Nuove comunicazioni del sindaco di Reggio Calabria, il quale in un video messaggio annuncia: “da questa mattina le volanti della Polizia Metropolitana stanno attraversando la città invitando la gente a stare a casa. Di coronavirus purtroppo si muore ed i dati di ieri ci dicono che i contagi sono in crescita nel nostro territorio. Dobbiamo fare in modo che ciò che sta avvenendo al Nord non accada qui da noi”. “Ieri – prosegue- durante i controlli delle forze dell’ordine, abbiamo riscontrato la presensa di tante persone in giro senza motivo. Abbiamo, altresì, notato la presenza di tanti ragazzini per strada nei vari quartieri della città: non va bene, fate altro tipo giocare alla play station, organizzare tornei online ma non uscite. Tutti noi -sottolinea il sindaco-  stiamo rinunciando a qualcosa: io, ad esempio, non vedo mia madre da 15 giorni e lei non vede i suoi nipoti da altrettanti giorni. Io il pomeriggio sto con i miei figli, gioco con loro e mia moglie. Evitiamo di uscire senza motivo, vi prego”.
FontanaNonRispettanoLockdown
In Calabria per ora ci sono stati solo due morti, i contagiati venivano uno dal Nord e uno da Roma, purtroppo in Lombardia non si capisce perché, la gente non rispetta il lockdown nonostante la situazione sia gravissima in tutta la Regione e nelle province di Bergamo e Brescia particolarmente, qualcuno dice “perché molte fabbriche sono ancora aperte” non lo so, in ogni caso, sempre a Reggio i farmacisti si proteggono con gli schermi di plexiglas,

Fonte: Coronavirus, il mercato è in crisi: a Reggio Calabria Europlast si reinventa per proteggere cittadini e farmacisti

Europlast ha deciso di andare incontro alla domanda, concentrando la propria produzione in schermi in plexiglass trasparente, utili per proteggere gli operatori farmaceutici

Io sono dell’opinione che vada chiuso tutto tranne i settori necessari, anche le edicole vanno chiuse, io leggo i giornali su Internet, le notizie dalle agenzie di stampa ADN Kronos & Co. proprio la necessità di tenere aperta l’edicola non la capisco, mi dispiace, soprattutto in Lombardia, perché l’autoisolamento e lo shut-down, mentre i medici lavorano, funziona, a Wuhan non ci sono nuovi contagi fonte, il coronavirus va isolato ed ammazzato lì dov’è. Come disse Margaret Mazzantini “Non ti muovere”. Va bene?