Storie e Storielle di razzismo: sono inventate come quelle sull’aborto? O no?

Ora c’è il ritorno dei cartelli “Non si affitta a meridionali” addirittura sul Corriere della Sera data per notizia: “Insultata perché terrona: sento diffidenza nei miei confronti a Forlì” oppure, assurdo: turista milanese in Sicilia insulta cameriera di colore in un B&B e proprietario siciliano la caccia.

Tutto questo riportato dal Corriere della Sera e da un telegiornale RAI; Ma non vi impressionate, non siamo ritornati agli anni ’70 e ’50, una milanese che insulta la cameriera di colore non c’era neanche in Via Col Vento e non vi impressionate perché le “notizie” probabilmente bufale, le riporta il Corriere della Sera: il Corriere della Sera e la RAI hanno riportato dozzine di storie false e inventate sull’aborto nel ’78 quando la massoneria voleva farselo legalizzare per forza: addirittura hanno confessato le femministe negli anni ’90 che erano inventate TUTTE le testimonianze sull’aborto, che le donne che avevano abortito veramente non volevano parlare né erano state violentate, allora gli abortisti sono andati avanti tutta la campagna referendaria con storie finte riportate però da RAI e Corriere come se fossero vere con tanto di attrici.

La Massoneria è così: per loro mentire è normale come per il diavolo “mentitore dall’inizio”.

Intanto la Legge 194 sull’aborto poi è passata con tutte le menzogne e i sinistri con altrettante menzogne vogliono far passare la legge sullo Ius Soli; guardate il risultato dell’aborto, in America alcune coppie lo praticano per pratica erotica link io avevo già letto la notizia in Inglese, la riportava Paul Joseph Watson su Infowars, ma anche prima di questo si era arrivati a “lo tengo, non lo tengo” quando ogni bambino poteva essere o non essere abortito così, per scelta quasi normale, e lo avevano legalizzato per quelle violentate dal gruppo o vittima di incesto che sarebbero impazzite se avessero partorito etc.

L’unica cosa buona che ne è venuta fuori è che la gente, anche a sinistra, ha paura a legalizzare l’eutanasia – che viene pubblicizzata con casi in cui il malato è praticamente già quasi morto, ma, se si sviluppa la normalizzazione della pratica come per l’aborto si rischia l’eutanasia per gioco erotico o per raffreddore al posto dell’Aulin.

Perché, di colpo, dopo aver affittato a meridionali per decenni, ora si ritorna al “non si affitta ai meridionali”? Per me. Cioè per quei calabresi che a un certo punto abbiamo detto “vabbè se Salvini fa la Lega Nazionale, votiamo Lega pure noi” questo porta voti a Salvini dal Sud e per di più  sdogana Salvini al Nord in quegli ambienti in cui non lo si votava per non far dispetto a noi del Sud. Quindi gli sono aumentati i voti pure al Nord.

E di colpo, di nuovo “non si affitta a meridionali”.

Un pò tardi.

Anche perché non è più colpa di Salvini, cioè, non è più possibile buttar la colpa sulla Lega e Salvini comunque “non c’entra” e sembra buono lo stesso.

La Lega Nazionale ha un potenziale di voto da superare sola il 40% cosa che la Lega padana ovviamente non poteva fare; non solo, la Lega Nazionale ospita Borghi, Bagnai, Paolo Savona che sono molto pericolosi per il Nuovo Ordine Mondiale, loro sì, e noi li votiamo.

Salvini fa il comizio a braccio, populista, bacia la bambina di Bibbiano, un pò di sole celtico un pò di tricolore, un pò di crocifissi un pò di muscoli e così, la pasta di pane lievita: ci sta tutto pensando che alla fine il Capitano è inclusivo. Una bella botta fare il populista in camicia e poi presentare Paolo Savona a Mattarella per Ministro dell’Economia.

Tomorrow we fight. – domani combattiamo -.

Bella canzoncina, il ritornello fa:

“oooh quella luce, oooh che brillante – dormi per oggi, ma domani combattiamo”.

E la luce di cui parla è la luce degli elmi che brillano dell’esercito che ci circonda

Tomorrow we fight.

Il Nord dei Potentati si è scontrato col Nord della Lega e i Potentati hanno vinto. Per Feltri.

bellanova-titolo-di-studio-4-682x391
Questi qui sono tutti servi

Feltri è stupido o poco coraggioso: metti che Blondet almeno ha passato la vita a mettersi contro i proprietari di Adelphi, banchieri, Mario Draghi, Agnelli & Co, insomma, i potenti, poi ogni tanto ha anche insultato, metti anche che Fusaro sia fine e incolpi per l’attuale crisi profondissima che stiamo attraversando: il capitalismo cosmopolita e apolide. Feltri no, Feltri la colpa la da ai meridionali, ritenendo il governo Conte – un meridionale astuto, furbo e corrotto/venduto comunque – lo zoo di terroni, prendendosi un’altra denuncia.

Anche lei, la Ministra con la Terza Media è pugliese. Ma Feltri non ha ragione lo stesso, perché contrariamente a me, Alex Jones, Blondet e Fusaro – per non parlare di David Icke che si mette contro la Regina – lui non riesce “non ha le palle” di mettersi contro i potentati del Nord, geneticamente discendenti delle famiglie che appresso ai Savoia hanno fatto materialmente l’Unità d’Italia, i cui pensieri si leggono sul Corriere della Sera. Lui non ci riesce perché non è coraggioso, insulta il povero e non riesce ad insultare il ricco, se lo spaventa: Feltri è cacasotto.

Ecco chi ti ha fatto il Governo Conte bis:

Moratti, Beretta, Tronchetti Provera, Agnelli, Elkann, Benetton: sono tutti del Nord – per quel che gliene importa, ma a loro importa relativamente, non gliene importa “come a Feltri” o come, chessò, ad Attilio Fontana. Questi sono quelli che votano e ordinano ai propri giornalisti di votare PD. Chiuso.

Perché non lo dici, avanti? Vittorio, di che ti spaventi? Ma credi veramente che Beretta si pigli la briga di far sparare a un signor nessuno? Io non me li spavento, infatti, quelli sparano solo a chi entra nel loro club e poi li tradisce. Gli esterni non li considerano proprio. Figurati te.

Ora vedi, il Nord dei Potentati, dei Don Rodrigo e Conte Attilio che vivono nei castellozzi in Lombardia o Piemonte o Veneto, si è scontrato con l’altro Nord: il tuo.

Quello dei Fontana e di Zaia e anche un pò di Salvini – non che fontana e Zaia Salvini lo abbiano aiutato, Salvini faceva la Lega nazionale e loro la disfacevano dietro le spalle con richieste pressanti di Autonomie stile Stato Autonomo, che mi sembra evidente non avranno, lui Salvini si è fatto da parte da se, e loro, i potenti dei potentati, aspettavano il momento, stile falco in agguato. E’ perfino strano che siamo riusciti a perpetrargli il governo giallo-verde per un anno e un mese. Se consideri.

Che ci posso fare io se non la vogliono l’indipendenza della Padania?

Loro vogliono la UE, l’Euro – e io ancora non ho capito perché – l’invasione di migranti, leggiti il Corriere per capire che cosa vuole l’altro Nord, il Nord dei Potentati con cui tu non ti parli, non ti conosci, non ti siedi a chiacchierare. Tronchetti Provera, che almeno è simpatico, ha tessuto pubblicamente su La7 – a nome di tutti, credo – le lodi di Mario Monti e Paolo Gentiloni, che noi odiamo, li avranno messi là loro. Perché non le lodi di Zaia? Non gli piace.

Ora si sono fissati con gli Africani. Non ci hanno nemmeno detto il motivo: non lo ritengono necessario.

Che cosa vuoi che Don Rodrigo ritenga necessario giustificarsi o spiegarsi con Agnese… allora non hai capito niente.

I motivi di Richetti. No al Governo dal PD.

I motivi dell’astensione o voto contrario di Matteo Richetti – PD – possono essere diversi dai nostri e da quelli di Destra, e li riportiamo: speriamo che convinca altri:

Si, onore anche a Emma Bonino. Voterà NO all’inciucio bis.

brava Emma. Oggi l’Italia può essere salvata dai Senatori. Senatori, salvate Roma, il popolo è con Voi.

SPQI 

SenatusPopulusQueItalianum

Giarrusso Shock: L’Analfabeta è stata messa al Ministero Agricoltura per firmare il CETA. Votate No.

StaStrega
Mario Michele Giarrusso che non voterà la fiducia al Governo Conte ci informa scioccato, che la Ministro dell’Agricoltura con la terza media, semianalfabeta, è stata messa là, con quella faccia da massaia campagnola, per firmare il CETA: tutti i 5 Stelle dovrebbero votare NO al governo dello scandalo di Giuseppe Conte:

 

Questo il post di Giarrusso:

“CI RISIAMO!

La battaglia contro il CETA è una battaglia identitaria del Movimento 5 Stelle.
Mi pare che qualcuno non ha capito nulla e vuole fare saltare il governo prima che nasca.”

E queste sono le dichiarazioni scandalose della ministro giurata ma ancora non fiduciata – non fiduciatela, negate le la fiducia a lei a tutto questo governo – :

(ANSA) – ROMA, 10 SET – “Dobbiamo lavorare perché si arrivi
alla ratifica del Ceta, l’accordo di libero scambio tra Ue e
Canada, con l’obiettivo di dare competitività al Sistema
Italia”. Lo ha detto il ministro delle politiche agricole Teresa
Bellanova a Radio24 Mattino. “Fin ora si é parlato molto di
porti chiusi alle disperazioni ma – ha sottolineato il ministro
Bellanova – non si é parlato molto di porti chiusi alla
contraffazione che é una parte fondamentale della concorrenza
sleale al Made in Italy. Inoltre anche sugli Ogm voglio aprire
un confronto anche con la parte industriale. Parliamone”.
(ANSA). Ulteriore Fonte

quindi cari grillini ecologisti e no Tav, ha detto: si al CETA ed agli OGM.

DeBenedetti nega la Fiducia al Conte bis.

NoFiduciaConteBisFonte

Carlo DeBenedetti annuncia che se fosse Senatore non darebbe la fiducia al Governo PD-5Stelle.

Carlo de Benedetti: ‘Ad agosto è successo di tutto, l’unico che si è comportato in maniera impeccabile, cioè secondo quanto previsto dalla Costituzione, è stato il Presidente Mattarella (non sono d’accordo, ma non importa ndr.) . Il premio del trasformismo va a Conte, quello della falsità a Renzi. Salvini ha confuso il Viminale con il Quirinale, pensava che tutto dipendesse da lui ma per fortuna non è così. Ma il premio assoluto per maggiore incompetenza spetta a Di Maio, che è riuscito a far richiamare il proprio ambasciatore dalla Francia, un paese che ci è sempre stato amico, e adesso fa il ministro degli Esteri’

Carlo DeBenedetti informa la Gruber e noi che lui andrebbe al voto e che la “stabilità” è solo un alibi.

Insomma ci si comincia a distanziare e a lavarsene le mani. Bene. Se può influenzare nuove defezioni tra PD e 5 Stelle e senatori a vita.

Governo: Il Giorno del Giudizio è domani. Perché NO ai Senatori stampella.

Il governo Conte bis che passerà la prova del fuoco – giorno del giudizio domani, mi ricorda quella concorrente di Miss Italia dell’anno scorso, Chiara Bordi, che aveva la protesi:

Chiara-Bordi-
Chiara Bordi

nonostante la posa rilassata, non si regge sulle sue gambe naturali – il PD, LeU e i 5 Stelle – ha bisogno della protesi e la protesi dovrebbero essere gli autonomisti, i senatori a vita, il gruppo misto, il MAIE, in pratica ancora non si sa, si spera, che qualcuno lo voterà standosene fuori dal governo – o, come me, si spera il contrario, cioè che non lo voteranno – ma se questo appoggio esterno è necessario per reggersi in piedi allora non dovrebbero questi gruppi politici entrare al governo?

Guardate la lista dei 21 Ministri – 3 più di quelli del Conte I –

Fonte:

Lavoro: Nunzia Catalfo (M5s)
Sviluppo Economico: Stefano Patuanelli (M5s)
Economia: Roberto Gualtieri (Pd)
Interni: Luciana Lamorgese
Esteri: Luigi Di Maio (M5s)
Difesa: Lorenzo Guerini (Pd)
Giustizia: Lorenzo Bonafede (M5s)
Agricoltura: Teresa Bellanova (Pd)
Beni culturali: Dario Franceschini (Pd)
Infrastrutture: Paola Demicheli (Pd)
Salute: Roberto Speranza (Leu)
Istruzione: Lorenzo Fioramenti (M5s)
Ambiente: Sergio Costa
Rapporti con il Parlamento: Federico D’Inca (M5s)
Innovazione: Paola Pisano (M5s)
Pubblica amministrazione: Fabiana Dadone (M5s)
Affari regionali: Francesco Boccia (Pd)
Sport: Vincenzo Spadafora (Pd)
Pari opportunità e famiglia: Elena Bonetti (Pd)
Affari europei: Enzo Amendola (Pd)
Mezzogiorno: Giuseppe Provenzano (Pd)

Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio sarà invece Riccardo Fraccaro (M5S). Nel Governo Pd-LeU-M5S si contano sette donne, dunque un terzo sul totale.

Più il Commissario Europeo forse sarà Gentiloni.

Visto che ce li abbiamo questi Italiani-Tedeschi e che i loro voti vengono richiesti – sempre gratis, sempre per nulla “tanto per non andare a casa” – non sarebbe normale usare le loro conoscenze linguistiche e culturali mitteleuropee per chessò mandarne uno a fare il Commissario Europeo a Brussels anche per capire che cosa dicono la Merkel e la Von der Leyen quando parlano tedesco tra di loro? Se no tutta questa ricchezza culturale che ci viene dall’Alto Adige a che ci serve? Gentiloni sa a malapena l’Inglese, allora gliene mandavamo uno della SVP che l’Inglese e il Tedesco madrelingua li sanno e almeno ci racconterebbero che cosa dicono negli uffici di Brussels o alla Commissione per davvero, oppure quello Francese che poteva parlarsi con Macron.

Poi abbiamo l’altra ricchezza, quella degli Italiani all’Estero, uno di quelli che sa l’Inglese benissimo e conosce gli Stati Uniti poteva diventare Ministro degli Esteri, quanto al Gruppo Misto si poteva dare il Ministero dell’Agricoltura invece di darlo alla Bellanova perché in un Ministero non si zappa, si deve conoscere il lavoro sui campi probabilmente ma si devono anche leggere e firmare un sacco di carte, anche in Inglese, i documenti dell’Organizzazione Mondiale per l’Alimentazione e l’Agricoltura detta FAO,  si devono scrivere o almeno comprendere i decreti prima di firmarli: è e resta uno scandalo il Ministro con la terza media, come fu uno scandalo la Fedeli al Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca portata in auge sempre dal PD – che schifo, quel PD che dice sempre che Salvini lo votano gli ignoranti… – mi dispiace ma al Ministero è tutto scartoffie, il fatto che abbia zappato non è sufficiente.

Poi ci sono i due Ministri Tecnici: l’orrenda Luciana Lamorgese agli Interni e gli Interni invece se li poteva prendere DiMaio dopo aver lasciato gli Esteri ad uno degli Italiani all’Estero – cui stanno chiedendo i voti gratis senza farli entrare al Governo come al solito – e il Ministero dell’Ambiente può essere dato tranquillamente a un politico, magari un grillino ecologista No TAV visto che sulla TAV è caduto il Governo precedente.

Il Ministero per il Sud invece non serve, al Sud basterebbe l’Anti-Mafia vera e risorge da solo.

Quello che voglio dire io è questo: ci sono molti scontenti 5 stelle, moltissimi scontenti tra gli Italiani link e si vanno a chiedere voti fuori dal Governo dopo aver riempito almeno a metà il governo di indegni.

Stando al leghista Andrea Crippa link i 9 senatori grillini che vogliono passare alla Lega ci sono eccome.

E 9 basta e avanza per farli cadere. Con 9 defezioni 5 Stelle cadrebbero anche se qualcuno dei 5 Senatori a vita li votasse e non dovrebbero farlo, a meno che non gli piaccia veramente questo Governo.

D’altra parte se veramente inseriscono masse di nigeriani ed integralisti islamici in Italia con la scusa delle migrazioni e dell’accoglienza, il nuovo motto dell’Italiano medio rimasto in vita sarà: “Io speriamo che me la cavo”. Terza media; Voto: scarso; puoi fare il Ministro nel Nuovo ordine Mondiale, consolati.