Category Archives: Italia

Autonomie e Dritto Sovranista. DeMagistris provoca: “Autonomia di Napoli” come se fosse uno scherzo.

Senza titolo
Lo stupido tweet di DeMagistris

L’ignoranza di DeMagistris, purtroppo Sindaco di Napoli, è allarmante, dice “soldi concessi alla Lombardia” quando invece sarebbero trattenuti, non concessi e comunque in realtà non verrà dato alla Lombardia un centesimo di più, è autonomia di spesa con gli stessi soldi non di trattenere più tasse e perché non è serio sulle Autonomie come si dovrebbe essere, ora lancia la sfida “L’Autonomia della città di Napoli” ma che cazzo vuol dire parlare di autonomie come se non fosse un discorso serio, organizzativo della Nazione, parlarne come al bar, senza citazioni di lusso, tipo i Länder tedeschi, o i Cantoni svizzeri, senza nessuno che faccia rilievi sulla Sicilia a statuto autonomo o il Trentino Alto Adige – tutti parlano solo di un’unica cosa: i soldi della Lombardia – questo parlarne in maniera non seria, non professionale, senza discutere di tassazione, di spesa, di scuola, di niente, così, come la bar “allora voglio l’autonomia di Napoli” diverso l’atteggiamento di DeLuca che ha richiesto anche per la Campania lo Statuto Autonomo, vedete io questa Italia la vorrei aiutare.

Vi ricordo che l’Autonomia è organizzativa, non è politica: cioè ora la Lombardia è a guida Lega, ma se vince il PD la Lombardia a Statuto autonomo sarà guidata dal PD, ora a Napoli c’è DeMagistris, domani ci potrebbe essere Ignazio LaRussa super-sindaco di destra di Napoli, invece loro parlano come se avessero un feudo, come se l’autonomia desse potere a loro e al loro partito per sempre. Mentre Bologna, col sindaco prima di Forza Italia, ve lo ricordate? Il macellaio, ora Padova passata dal sindaco sceriffo della Lega al sindaco piddino, la Calabria dove ogni tanto vince la destra ogni tanto la sinistra, dimostrano che tu se parli di Autonomia parli di regole organizzative non di contenuti politici perché quelli poi dipendono dal partito che vince.

Mi sento proprio stufa anche a dirlo che era una cosa di cui parlare seriamente.

Io poi che l’ho anche supportata devo dire che in linea di principio non sono neanche contraria allo Stato centralizzato, può anche funzionare liscio liscio, in teoria dovrebbe funzionare meglio, invece in Italia si è incancrenita dentro gli apparati statali una setta, una cosca, una massoneria che per esempio ora cerca di impedire al Ministro dell’Interno di fare il proprio dovere, la manina che cambia la finanziaria a favore della Croce Rossa – ??? – e non si sa chi è, allora per me è stato un modo di togliere quelle carte da quell’ufficio e trasferire la competenza a un altro ufficio dove tutti quei massoni non ci sono e spero non riescano ad entrare. Tutto lì. Se ne poteva anche parlare.

Comunque Autonomia o no: al Comune, alla Regione, alle Politiche voi votate sempre sovranista di destra. Leoluca Orlando dimostra che è peccato votare PD anche alle comunali. Non fatelo. Io voto sovranista dappertutto, come dicono in America “straight blue” o “straight red” cioè dritto blu – che in America è la sinistra – e dritto rosso – che in America è la destra – è al contrario che da noi, significa votare lo stesso Partito a tutti i livelli.

Votate straight sovereinist.

Dritto Sovranista

Advertisements

Virginia Raffaele un pò così: sia il saluto ai Casamonica che a Satana non facevano ridere.

Virginia Raffaele mafiosa, Virginia Raffaele satanica, ha scelto lei ma non faceva ridere. Il saluto ai Casamonica è stato un pò così e quello a satana era disturbante, ve lo linko il disturbo satanico arriva al min 3.34

Raffaele
Scenetta di Virginia Raffaele e Bisio col grammofono.

Vestita di bianco come le sacerdotesse pagane, sembra una che cerchi – come spesso succede alla Hunziker – si sforzi di essere simpatica, di fare ridere, ma non riesce; non è né carne né pesce volendo essere tutte e due: non abbastanza bella per fare la modella, rimane uno o due gradini sotto il livello “Modella Milano” e non abbastanza “veramente comica” da far scoppiare a ridere, qui sembra falsa, forzata, “mostra i denti” quando ride, tutti, troppi, come Michelle, e noi rimaniamo qui, con questo Sanremo un pò così che vuole essere qualcosa di altro, di più di quello che è e non riesce.

Al prete non è piaciuto lo sketch, a Salvini nemmeno, io sono perplessa. Chi sono costoro? Ma che vogliono? Chi è questa Virginia Raffaele? Che vuole? Che vuoi da me? No, non mi fai ridere e non sei nemmeno tanto bella, cambia mestiere o sei là per intercessione dei Casamonica o della famigerata massoneria vaticano-satanista, visto che sei di Roma? D’altra parte chi è causa del suo mal pianga se stesso: lei ha voluto essere associata a queste cose e a noi non hanno fatto ridere; Non è come l’Esorciccio, l’Esorciccio faceva ridere, tu no. Sembra una che non è né carne né pesce e cerca di essere tutt’e due. In questo Sanremo c’era qualcosa di sbagliato.

Tutta l’Europa sta diventando qualcosa di sbagliato: l’ex Luna-Park degli anni ottanta sta diventando il Maledetto Luna Park che sta per spegnere le luci di Loredana Bertè, ecco, anche se in quella canzone un velo di “micro-satanismo” i mostri, il numero 6 che si accende tre volte, c’è, quella almeno è una canzone riuscita – anche il video –

“Il boia mostra i denti e dice ‘Prego, Madame”

Perfetto, non me l’aspettavo questo dalla Bertè a 68 anni e senza patto col diavolo.

E purtroppo, mie cari Lettori, noi che siamo stati educati a Pinocchio, Dickens, il Libro Cuore, Goldrake e Mazinga Zeta, “buffi, impacciati, ma in fondo convinti di essere eroi” ora ci troviamo in questo doppio sogno, in cui il bene somiglia al male: per Gesù dobbiamo costruire le moschee ai migranti, per pietà dobbiamo far abortire i bambini fino al sesto mese di gestazione (???) per sensibilità dovremmo dire ai bambini che non sono né maschio né femmina perché “scelgono loro”…prego, Madame? No grazie. E spero che il Maledetto Luna-Park non sia quello che sta diventando l’Europa.

Chiusure domenicali e VAR: Perché Si e Perché No.

mercatino-bolzano-header
Bolzano – Mercatino di Natale

Tanto per cominciare, finirla di parlare come se si fosse in una realtà alternativa, nemmeno lo linko per schifo, l’articoletto – meschino – sul Giornale in cui il boss di Yamamay dice “Ma le sembrano normali le chiusure domenicali?” Certo, idiota, per uno di 46 anni come sei tu: sono normali, si tiene aperto la domenica forse dal 2008, cioè da quando tu avevi 35 anni. Ma ormai ci sarà l’Autonomia regionale e deciderà la Regione, nella Provincia Autonoma di Bolzano i negozi la domenica sono tutti chiusi, a Merano e a Bolzano Link come in Austria dove domenica e festivi liberi sono un dato di fatto, perché là sono cristiani di fatto,

«Nel Tirolo del Nord, ovvero a Innsbruck – dice il presidente dell’Unione Philipp Moser – la chiusura dei negozi la domenica e nei festivi rimane ancora un dato di fatto del tutto accettato. Le eccezioni sono previste esclusivamente per particolari festività od occasioni, con i negozi che possono tenere aperto solo in determinati orari o solo nei centri storici. In nessun caso, invece, al di fuori dei centri abitati, come per esempio nelle zone produttive. Questo regolamento, assicurano i vertici della Camera di commercio, funziona benissimo, senza generare lamentele o critiche». 

«Le aperture sette giorni su sette – dice il direttore Mirco Benetello – non fanno bene alla società nel suo complesso. Innanzitutto perché chi può permettersi orari no-stop sono solo le grandi catene. I negozi a conduzione familiare ovviamente non ce la fanno. E comunque è una questione anche di rispetto della dignità del lavoratore dipendente. La domenica e le festività si dovrebbe avere il diritto di passarle con i propri cari e non dietro il banco o alla cassa di un supermercato».

a Milano – il Sud del Nord – fanno finta che sia una cosa strana. Io sono favorevole alla chiusura e poi non sopporto, dico non sopporto la frasetta “i dipendenti vogliono lavorare la domenica” : non è vero, i dipendenti con i contrattino misero che hanno stanno zitti, io so che i commessi vogliono la domenica libera e si spaventano a dirlo perché i nuovi contrattini hanno castrato i sindacati, non possono fare niente, molti proprietari di piccoli negozi vogliono l’obbligo di chiusura così  non c’è concorrenza, quanto a Yamamay il proprietario del marchio non lavora in bottega: Il Giornale mi fa schifo, mi viene il vomito per la falsità. Deciderà la Regione come a Bolzano ha deciso la provincia, se no l’Autonomia a che serve?

Io in Calabria i negozi chiusi la domenica li voglio, la gente vuole stare in famiglia, a Milano certe volte ragionano da somari “io lavoro pure la domenica, io lavoro a Pasqua, io lavoro a Natale” embè? Lo dicono come se fosse chissà che e poi parlano di cultura cristiana e presepe obbligatorio, a me non piace il crocifisso nei luoghi pubblici è una cosa volgare, mentre il riposo domenicale e nei festivi è vero Cristianesimo.

Credo che a questo punto si faranno tutte le Regioni autonome perché non ha senso Lombardia, Veneto, Trentino Alto Adige, Sicilia, Sardegna, Valle D’Aosta si e tutte le altre no. La chiusura domenicale va con le autonomie.

In Calabria con l’Autonomia voglio una Polizia Speciale Regionale specializzata nel contrasto al racket delle estorsioni e ‘Ndrangheta con clausola fedeltà: cioè i membri devono aver già servito nei Carabinieri o Polizia di Stato o almeno 5 anni in un qualunque corpo delle Forze Armate così avranno già fatto giuramento allo Stato Italiano e saranno già stati selezionati secondo i criteri psico-fisici del test di Stato e saranno già stati addestrati all’uso delle armi, dovranno o avere o trasferirsi la residenza in Calabria – senza un minimo di anni, cioè si possono trasferire la residenza dal giorno in cui prendono servizio, però devono poter sparare e arrestare ‘Ndranghetisti e criminali particolarmente quelli che rompono le scatole agli imprenditori con la mazzetta – sembrerà strano, ma le mazzette fanno un danno enorme all’economia molto più dei traffici grossi come quello di droga e di armi, perché fanno chiudere le imprese private che creano i posti di lavoro o i negozianti che sono lavoratori autonomi -. E devono poter sparare, basta tolleranza e diritti umani dei criminali, l’Autonomia regionale in Calabria deve fare bene e poi va sostituito in blocco il presente odioso corpo dei Forestali visto che è una schifezza in cui i posti pare siano riservati agli ‘ndranghetisti e anche lì per accedere bisognerà aver già servito almeno 3 anni in polizia, carabinieri o un corpo delle Forza Armate.

Quanto al VAR

Va abolito, l’ultimo regalo dell’arbitro alla Juve è schifoso: ho l’impressione che Andrea Agnelli abbia tutti i difetti di suo nonno Gianni e nessuno dei pregi.

CHE FIGLI DI …. un velo pietoso sulle pretese degli Juventini e il presunto “rancore anti-Juve” degli altri

Allora dicono che il VAR – video assistente arbitro, l’uomo che guarda il video per questo si dice “il” e non “la” – ha passato all’arbitro non l’immagine che abbiamo visto noi nettamente dentro l’area col portiere che blocca la gamba, per non cadere il giocatore doveva massacrare il portiere calpestandogli faccia e tutto – è stato buono – ma un’altra inquadratura – ovviamente – favorevole alla Juve. E allora a che serve? A imbrogliare di più e meglio, sempre a favore delle stesse squadre, tanto vale toglierlo. Almeno il gioco è più veloce, si imbroglia di meno – o lo stesso – ci sono più gol e il calcio è più spettacolare.

Questi i due Perché si, perché no. Viva l’Italia.

Sanremo 2019: perché svela i trucchi della massoneria per bypassare il popolo.

La struttura del voto di Sanremo 2019 in cui, tra l’altro il popolo che voleva votare per contare un millesimo doveva pure pagare 0,50 euro a voto – io non ho votato, me ne frego e non l’ho nemmeno guardato, ho visto un pò di video su Internet – mentre la giuria “d’onore” e quella di giornalisti era fatta da persone pagate – al contrario del popolo che doveva pagare – e probabilmente pagate per votare per Tizio invece che per Caio.

Allora è stupido il popolo ad accettare di pagare per votare, la chiamano “Truffa Tim”:

Milioni di spettatori valevano il 50%

8 persone di giuria d’onore – hanno avuto la decenza di non chiamarla giuria di esperti perché c’erano la Dandini, la Guzzanti, gente che non era in grado di leggere uno spartito – valeva per il 20%

salastampasanremo
Giornalisti sala stampa Sanremo

Sala stampa giornalisti, quanti? c’erano al massimo 140/150 persone a occhio e croce, così esperti di musica che hanno gridato “merde” al Volo, secondo quanto riporta Facchinetti – che almeno lui di musica ne sa – “stronzo” a Ultimo – la cui canzone a me non è piaciuta ma al popolo votante e pagante si – niente, irritante silenzio per la Bertè amata dal pubblico in sala, ebbene questi 150 giornalisti piazzati – se erano 150 – anche loro là per votare multiculturale hanno contato per il 30%, dunque:

Se Sanremo è stato visto da 11 milioni di spettatori, avranno votato da casa quanti? metti almeno un milione, guardate che fregatura – se ha votato un milione:

1 milione di Italiani valgono il 50%

150 giornalisti valgono il 30%

8 persone di sinistra valgono il 20%

E’ scandaloso:

Chi vale di più?

8mostri

Antipatici vero? Questi sono gli 8 componenti della giuria d’onore, tutti di sinistra il cui voto valeva oro.

salastampasanremo

Questi sono i giornalisti della sala stampa a occhio e croce 150 individui – anche meno – credo anche loro pilotati e istruiti su come votare, il cui voto valeva argento.

I milioni di Italiani – che hanno pure pagato sono quelli il cui voto valeva manco bronzo.

Personalmente a me non piace la canzone di Ultimo, però gli italiani l’avevano votato, a Salvini piace perché è stato lasciato dalla Isoardi – la canzone di Ultimo parla di uno lasciato – la Isoardi che, con tutto il rispetto per Salvini, lo tratta come un coglione: si è fatta dare il posto in RAI e poi lo ha lasciato, io preferivo la Clerici, ora oltre ad averlo lasciato si butta su posizioni di sinistra per non essere neanche lontanamente associata a lui – e non perché gliene freghi dei migranti, ma per puro opportunismo –

Isoardi strega, mentre alla Clerici piaceva veramente mangiare – io li riconosco quelli a cui piace mangiare perché piace mangiare anche a me, la Isoardi guarda il cibo come Nembo Kid guarda la criptonite; ha sbagliato Salvini a mettere raccomandazioni.

Intanto i milioni di italiani hanno votato a destra anche in Abruzzo, perché noi i migranti non li vogliamo; chi li vuole? Come a Sanremo, quattro gatti di giudici massoni, due sgualdrine pronte a vendersi tutto pur di stare su un giornale, ve la ricordate la Pandolfi che è riuscita ad infilarsi nella giuria d’onore? Quei due o tre anni che fu rilevante come attrice fece una bassezza che nemmeno i mini VIP americani hanno fatto: si è sposata per davvero col vero prete firmando i documenti del vero comune senza essere innamorata del marito solo – per sua stessa ammissione – perché si era già venduta il servizio fotografico del matrimonio su Chi e non voleva perdere i soldi anche se stava già con Andrea Pezzi – ha intascato i soldi e poi ha divorziato dopo una settimana. Che schifo, è gentaglia mettetevelo in testa, si vendono matrimoni, te e tua madre, non sono persone di nemmeno mediocre caratura morale. Lasciateli perdere. Bravi gli Abruzzesi.

Bisogna scardinare il sistema massonico per cui 8 persone valgono più di 100 e 158 quanto 1 milione.

I massoni di serie A : la giuria d’onore.

I massoni di serie B: i giornalisti.

Tu che paghi: i coglioni.

Scardinare questo sistema oramai, sia da Sanremo che dal resto dell’Italia, dell’Europa e del Mondo. Tornare alla Democrazia.

Vince la massoneria buonista e sminchiata di Mahmood e perde la Calabria luciferina della Bertè con la grinta inarrivabile di Vasco Rossi: Non si erano preparati i commenti.

Che cosa vuoi da me? Si sente che è di Vasco: troppo per Sanremo, la poteva cantare lui ma credo che ormai li snobbi.

Gliel’ha data alla Bertè che si è fatta un video in cui si trasforma in…lupa, non mi piace il video, la canzone si; i commenti sul vincitore erano tutti già pronti, precotti in maniera immangiabile sul mix di culture etc. sarebbe meglio non truccare le carte, se Mahmood fosse arrivato onestamente terzo sarebbe stato meglio anche per lui, invece no: primo, perché se no non potevano parlare del mix culturale e dovevano sforzarsi di emettere giudizi sensati, non precotti dunque pericolosi sulle canzoni; la massoneria ci vuole all’Inferno ma non dalla porta principale, non entreremo all’Inferno da grandi, dalla porta per cui sono entrati – se ci sono entrati – Giulio Cesare e Robert Guiscard, no, dobbiamo entrare all’inferno da Mahmood, da frocetti finto-musulmani in Italia che si permettono anche di bere un pò di champagne durante il Ramadan; Mahmood guarda per terra tutto il tempo del suo video, non riesce neanche ad alzare gli occhi, è rappresentato da un bambino spaventato, allora era meglio Mondo Marcio con Dentro alla Scatola, ma anche quella era troppo buona per Sanremo. Così Vasco è troppo per Sanremo e da la canzone alla Bertè, che anche lei fa troppo bene e quindi va fuori dal podio. La giuria? Tutta di sinistra, Gesù Cristo c’era pure Ozpetek e perfino la Pandolfi. La Pandolfi sa di musica Link

Potevano lasciarla al terzo posto e non si sarebbe lamentato nessuno, ma non mi dire che la Pandolfi sa di musica.

 

Il simbolo di “Soldi” di Mahmood non è musulmano: è egizio, perché Mahmood è spinto dalla massoneria, non dall’Islam – a proposito, ringrazio molto per l’apertura della Chiesa negli Emirati Arabi Uniti -.

Ci vogliono far cambiare il Cristianesimo non con gli dei romani – troppo guerrieri e aggressivi – e nemmeno con l’Islam, ma con divinità egizie che i Romani odiavano. E nemmeno col mito di Beowulf, per carità aggressivo perfino germanico e sicuramente non troppo buonista

Consiglio a Loredana Bertè di calmarsi con la licantropia, ma lei mi risponderebbe “che cosa vuoi da me?” Hai ragione.

Vasco

E grande Vasco ovviamente, del resto Vita Spericolata a Sanremo è arrivata penultima ed ha un refrain impressionante clicca sull’immagine, refrain min 1.56 (chissà chi c’era nella giuria di qualità a quel tempo, la mamma della Pandolfi?).

P.S.

Chiediglielo a Vasco “come va”, te lo spiega lui.

 

L’Italia deve risolvere i suoi problemi con la verità: Baglioni Pagliaccio, vince il mezzo Africano, concorso probabilmente truccato.

Perché tutti pensano che Mahmoud ha vinto per raccomandazione della massoneria globalista? Come mai, proprio di questi tempi vince il meticcio?

Certo che Sanremo è truccato, ovviamente non è giusto, arrestateli per truffa: io sono convinta/sicura che il voto sia stato manipolato, perché è una vittoria troppo cliché, troppo che si vede che è pilotata, non si sono sforzati molto. Baglioni pagliaccio.

Le Regioni l’Autonomia e i Soldi:

Se ci sono i soldi per mantenere neri a spese dello Stato come richiedenti asilo e truppe di truffaldini – che si stanno cambiando la residenza in massa per acquisirne il diritto – col reddito di cittadinanza, allora non vedo perché la Lombardia non si debba tenere più soldi delle tasse; per il reddito di cittadinanza, inutile esca elettorale, e per i migranti si, per il Lombardi no?

Io per me mi rifarei il Regno del Sud Italia con Capitale Napoli, non scherzo, l’indipendenza della Calabria non mi dice niente, allora è meglio spartirsi i lingotti d’oro della Banca d’Italia, con la testa di Mario Draghi sopra a noi del Sud e il corpo a quelli del Nord, e rifarsi una sana banca con una sana moneta fuori dal mercato unico europeo e poi per favore non venite a liberarci dai Borbone, i Borbone forse ce li meritavamo, perché ci conoscevano, i Savoia, statevene a casa.

Per ora sto con Salvini, alla prossima forse con DiMaio e portate l’oro sul suolo italiano, poi ce lo spartiamo, ma non permettete a Draghi di dire che è suo e della BCE.

Me ne vado in Capitale:

maschio-angioino-1
Maschio Angioino di sera

La cosa peggiore, più difforme dalla realtà è che al Maschio Angioino, un super castello incrollabile, si sono permessi di ospitare la sede dell’Istituto per la diffusione della storia (falsa) del Risorgimento, in cui i massoni dicono che Garibaldi era buono e i meridionali erano una massa di dementi arretrati che volevano essere liberati dai Borbone – non è vero un cazzo – mi viene il vomito. A me le bugie fanno vomitare.

Passeggiata

portalba1
Pizzeria fondata prima dell’Unità Pontalba 1739, stradina

 

Castel-dellOvo-notte
molo barchette

La cosa peggiore è quando gli altri pretendono di dirti chi sei, una volta hanno scartato mio fratello da un casting in cui cercavano un ragazzo calabrese per un film perché era troppo alto troppo chiaro con i capelli un pò troppo rosso dorato, bene ne hanno preso un altro di un’altra regione scuro di pelle e basso, ora Mohamoud sarebbe italiano, la massoneria io la odio: pretende di dirti chi sei, ed è una cosa che non si può fare, pretende di dire a te chi sono i calabresi e che faccia devono avere e chi sono i nuovi italiani cous cous e che faccia devono fare e che religione devono avere, uno come Baglioni poi lo trovano, truccano tutto: i referendum sull’Unità il referendum sulla Monarchia, ora anche i concorso canori come Sanremo, sono incapaci di essere onesti; in questo paese si fanno tanti reati, una bomba sotto la sede della massoneria no? Quella centrale con tutti massoni maggiori dentro ovviamente, quanto alla Cupola della Mafia, non scherzo, ma credo che sia un riferimento alla cupola di San Pietro perché i capi della massoneria e della mafia si incontrano allo IOR – la deliziosa banca vaticana -: non c’è alcun motivo per cui un club di camorristi si debba chiamare la Cupola. La santa protettrice della ‘Ndrangheta risulta essere “Santa Elisabetta” che rimanda alla Regina Elisabetta d’Inghilterra che è la capa della massoneria infatti. In tutto questo si rivela la massoneria stessa che parla sempre e solo bene dei Windsor e di tutte le loro puttane sui giornali, nessuno che abbia il coraggio di fiatare e dire la verità, nemmeno su Diana “certo che l’hanno ammazzata mi pare ovvio” ma loro no, Camilla, Carlo, La bruna, la bionda, la mezza nera, la contessa e la duchessa, tutte buone; che piacere fare i servi?

E’ che la massoneria la sua servitù la paga, mentre mia cugina nei memores domini di CL e quelli dell’Opus Dei, gli sfigati che dovevano fare la massoneria cattolica devono fare “castità, povertà e obbedienza” mi viene la depressione solo se lo penso, allora vince quella vera, almeno sc****o e si tengono i soldi, massì anche a me non piacevano e non piacciono i Borbone per il loro legame fetido con la Chiesa cattolica, hanno perso una guerra e basta, non capisco che problema abbia la gente con la verità.

La verità ti fa male?

No, a me no.